23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 17:54:14

Cronaca

Traditi dai pantaloncini viola: in manette coppia di scippatori


TARANTO – Scippatori nella rete della Questura. Ieri sera gli agenti della Sezione Falchi della Squadra Mobile hanno tratto in arresto i pregiudicati Michele Motolese e Massimiliano Friuli, entrambi di 42 anni, perché responsabili di uno scippo. Ieri sera, poco prima delle 20.30, è arrivata alla sala operativa 113 la segnalazione di uno scippo consumato in Via Emilia ai danni di una signora di 68 anni. Sul posto sono accorsi immediatamente gli agenti della Squadra Volante che hanno appreso dalla vittima che qualche istante prima, mentre era in strada ad attendere il marito, era avvicinata da un individuo che con mossa fulminea le strappava dal collo la collanina di oro.

Subito dopo il malvivente ha raggiunto il suo complice che a bordo di uno scooter lo attendeva poco distante, dileguandosi entrambi nelle vie limitrofe. Le descrizioni fornite ai poliziotti da alcuni testimoni circa l’aspetto dei due malviventi ed in particolare il colore viola dei pantaloncini che indossava l’autore dello scippo, nonché la direzione di fuga, sono state immediatamente diramate a tutti gli equipaggi della Polizia di Stato dislocati sul territorio. Quasi contemporaneamente un equipaggio della Sezione Falchi ha incrociato in Via Lazio il ciclomotore con a bordo Motolese e Friuli – personaggi già a loro noti – che a forte velocità e a fari spenti “zigzagava” tra le auto in transito. Subito inseguiti il ciclomotore e i due occupanti venivano bloccati in Viale Trentino. Date le circostanze i centauri della Sezione Falchi hanno proceduto ad un controllo più accurato indosso ai due fuggitivi che ha permesso di rinvenire proprio nelle tasche di Friuli la collanina poco prima scippata. Motolese indossava un paio di pantaloncini di colore viola. Entrambi al termine delle formalità di rito sono stati portati in carcere, mentre la collanina è stata restituita successivamente alla legittima proprietaria. Il ciclomotore è finito sotto sequestro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche