25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 21:43:00

Cronaca

Truffa della postepay, madre e figlio finiscono nei guai

Denunciati per un raggiro ai danni di un tabaccaio


Mamma e figlio
denunciati per la truffa della
postepay.

Un trentenne e la madre
cinquantenne, entrambi di
Sava, hanno attuato un
raggiro con un sistema
ormai consolidato ai danni
di un tabaccaio di Uggiano
Montefuisco ma sono stati
scoperti e denunciati dalla
Polizia di Stato.
Il giovane si è presentato
in una tabaccheria che è
situata nella frazione di
Manduria e ha ottenuto una
ricarica di 100 euro su una
carta postepay.
Quando è stato il momento
di pagare ha detto al titolare
dell’esercizio commerciale
che aveva dimenticato il
portafogli in un vicino bar.
Il tabaccaio sapeva che il bar
in realtà era chiuso e allora
ha preteso che il trentenne
gli consegnasse la carta
postepay.
Il commerciante ha trattenuto
la carta postepay e ha
atteso invano il cliente, che
è sparito nel nulla.

Appena si è accorto di essere
rimasto vittima di una
truffa ha chiamato la polizia.

Le indagini avviate dagli
agenti del Commissariato
di Manduria hanno portato
al trentenne savese e a sua
madre.
Hanno scoperto infatti che
la donna si era presentata
alla caserma dei carabinieri
di Sava e aveva denunciato
lo smarrimento della carta
postepay.
Gli investigatori che hanno
visionato anche i filmati del
sistema di videosorveglianza
della tabaccheria hanno
chiuso il cerchio e quindi segnalato
madre e figlio all’autorità
giudiziaria. Ora stanno
indagando per accertare
se si siano resi responsabili
di truffe analoghe ai danni
di altri commercianti che
sono abilitati ad effettuare
le ricariche di postepay.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche