28 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 28 Settembre 2021 alle 21:49:00

Cronaca

“Aborto libero”, sit-in delle donne

All’ospedale l’iniziativa di “Non una di meno”: «Libere di scegliere, pronte a reagire»


«Libere di scegliere,
pronte a reagire».

Il 28
settembre le donne saranno
in piazza per la giornata
mondiale per l’aborto libero
e sicuro (www.28september.
org). «In Italia, seppur formalmente
garantito dalla
legge 194, è nei fatti
progressivamente negato.
L’obiezione di coscienza
ha raggiunto la media nazionale
del 70% di medici
obiettori ed è una delle
forme di violenza che viene
agita ogni giorno contro le
donne – spiegano dal movimento
“Non una di Meno”.
A Taranto: il ginecologo
non obiettore di coscienza
è uno solo, i consultori non
riescono a funzionare come
dovrebbero per via dei continui
tagli di fondi che subiscono
da parte del governo,
si è dovuti ritornare ad una
pratica antica (risale al 1198
la prima in Italia) quale la
Ruota degli esposti, oggi
chiamata “Culla per la vita”
invece che divulgare la legge
che permette di partorire
in modo sicuro e anonimo,
subiamo continue violenze
sui nostri corpi per via
dell’inquinamento che causa
l’endometriosi, una malattia
malformante e invalidante
per la fertilità della donna e
per il suo piacere sessuale».

Per questo e per molti altri
motivi il 28, alle 17.30, con
un sit-in davanti all’ospedale
Ss. Annunziata, le donne di
“Non una di Meno” torneranno
a chiedere «che l’aborto
sia ovunque depenalizzato,
garantito e sicuro, un diritto
per le donne di tutti
i paesi. Non solo, in Italia i
fatti di cronaca delle ultime
settimane e il modo indegno
in cui gli stessi sono stati
trattati, dai media come dalle
istituzioni, hanno svelato
chiaramente che quando parliamo
di violenza di genere è
in gioco il corpo delle donne
come oggetto di conquista
e terreno da espropriare.
Questo è lo sguardo alla base
della cultura patriarcale che
porta al conseguente gesto
della violenza maschile e
alle sue molteplici giustificazioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche