Cronaca

Parisi: “Lascio il Pd. Ho trovato lavoro”


TARANTO – “Non c’è niente di politico dietro le miei dimissioni. Lascio perché ho trovato un lavoro. A trent’anni non si possono perdere queste occasioni”. Una offerta di lavoro fa vacillare il segretario provinciale del Pd che alla fine lascia il partito e coglie al volo l’occasione. Francesco Parisi ha deciso di abbandonare la guida del partito. Nei giorni scorsi ha comunicato la sua decisione al segretario regionale del Partito democratico Sergio Blasi. Stando a quanto riferisce oggi, l’ormai ex segretario del partito, alla base delle dimissioni, non ci sarebbero motivazioni riconducibili alla politica. “A settembre andrò via da Taranto – ha spiegato Parisi, da noi contattato per chiedere chiarimenti in merito all’indiscrezione.

Si è concretizzata una offerta di lavoro che mi è stata avanzata qualche settimana fa. Farò la spola tra Roma, Napoli e Bruxelles. Un lavoro inconciliabile con il ruolo di segretario del partito”. Le dimissioni saranno formalizzate domani, quando Parisi incontrerà Blasi. “Non ci sono motivazioni “politiche” dietro la mia decisione – assicura l’esponente del Pd. Anzi, ieri, alla ripresa dalla pausa estiva, ho preso parte ad una discussione all’interno del partito sul caso Ilva. C’erano posizioni diverse ma comunque si è trattato di un dibattito proficuo”. Ma Parisi traccia anche un bilancio della sua gestione. “Abbiamo fatto un buon lavoro alle elezioni comunali. Il risultato portato a casa è stato ottimo. Certo, dispiace non aver concluso il mandato con le elezioni politiche”. Una poltrona, quella del segretario provinciale del Pd, che per il momento resta vacante. “Potrebbe esserci un coordinatore provvisorio – ipotizza Parisi – per traghettare il partito alle prossime elezioni. Poi ci saranno i congressi e quindi un nuovo segretario”.

Fabio Mancini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche