Cronaca

Incidenti stradali. In arrivo tre nuove postazioni del 118


TARANTO – Incidenti stradali: sulle strade joniche in aumento morti e feriti. Il dirigente del 118, il dottor Mario Balzanelli (nella foto) interviene dopo che Polstrada e Polizia Municipale hanno fornito a TarantoBuonaSera i dati sulle tragedie della strada degli ultimi 8 mesi. Come sta affrontando l’emergenza il 118? “La Asl sta correndo ai ripari potenziando il sistema di emergenza territoriale con l’aumento di tre nuove postazioni che nasceranno a San Giorgio Jonico, Avetrana e Taranto-Tamburi. Deve essere completato anche l’organico dei medici. Spero nelle prossime abilitazioni. Saranno disponibili, dopo l’undici settembre, con gli esami di novanta nuovi dottori. Spero che con loro potremo finalmente colmare le carenze”.

Nel 2012 sono in aumento morti e feriti. “E’ una ecatombe quella a cui stiamo assistendo sulle nostre strade: sei giovani vite spezzate da gennaio ad oggi, tre negli ultimi giorni. Purtroppo di negativo c’è il fatto che le morti avvengono sul colpo non dando il tempo al sistema sanitario di intervenire. Ad incidere pesantemente sulla mortalità nei giovani sono due fattori: la velocità eccessiva e l’assetto psicofisico profondamente alterato dei ragazzi alla guida”. I dati sono preoccupanti. “Direi proprio di si. Già sei i deceduti, tutti giovani, mentre in tutto il 2011 i morti sono stati quattro. Negativo anche il confronto con il 2010 quando le croci sulle strade furono cinque. La punta massima, quest’anno, si è avuta ad agosto con i tre morti nel giro di una settimana, due con la moto e una con l’auto. Gli incidenti rilevati sulle strade della provincia jonica in questi primi otto mesi sono stati più di cinquecento (1062 nei 12 mesi dell’anno scorso). I feriti, invece, da gennaio ad agosto, sono stati quasi quattrocento. Le nostre valutazioni statistiche, però, ci fanno bene sperare, perchè ci dicono che sta crescendo una certa consapevolezza verso la prudenza da parte di chi guida e un maggior rispetto del codice della strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche