22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 07:26:25

Cronaca

La marcia degli studenti

Non solo i temi nazionali: in piazza anche per la questione Ilva


Studenti in piazza
in tutta Italia per il primo
sciopero contro l’alternanza
scuola-lavoro.

Si è manifestato
ieri mattina, in centro,
anche a Taranto. Lo sciopero
è stato convocato dall’Unione
degli studenti, in programma
manifestazioni in 70 città
italiane. In piazza anche gli
universitari di Link contro i
tirocini-sfruttamento.

«Oggi
abbiamo convocato il primo
sciopero dell’alternanza scuola
lavoro. Chiediamo al ministero
dell’istruzione che fine abbia
fatto lo statuto delle studentesse
e degli studenti in
alternanza scuola- lavoro e il
codice etico per le aziende?
Siamo stanchi di aspettare!»,
dichiara Francesca Picci, Coordinatrice
nazionale dell’Unione
degli studenti – «Come
studenti viviamo sulla nostra
pelle i disagi di questo modello
di alternanza scuolalavoro,
noi siamo studenti,
non merce nelle mani delle
aziende».
«Anche gli universitari oggi in
piazza per denunciare i tirocini
– sfruttamento. Siamo stanchi
di vedere i nostri percorsi di
studi degradati a manodopera
a basso costo per enti, privati
e imprese», dice Andrea Torti,
Coordinatore nazionale di
Link Coordinamento universitario
– «Con la campagna
Formazione Precaria abbiamo
lanciato un’inchiesta, con lo
scopo di portare alla luce lo
sfruttamento che gli studenti
e le studentesse vivono nei
loro percorsi accademici».

«Il Governo deve stanziare
maggiori risorse in Istruzione
e Ricerca. Le risorse regalate
alle aziende con gli sgravi
fiscali vanno invece investite
per un’istruzione gratuita e
di qualità» – dichiara Martina
Carpani, Coordinatrice nazionale
di Rete della Conoscenza
-. «La scuola e l’università
non devono essere asservite
al profitto degli sfruttatori,
semmai devono cambiare il
mondo del lavoro. L’istruzione
deve essere garantita a tutte e
tutti abolendo il numero chiuso
all’università e istituendo
il reddito di formazione universale».
A Taranto però la
protesta ha anche avuto un
contenuto ‘locale’: «Le vicende
che stanno interessando
la città di Taranto colpiscono
tutti e tutte noi. Siamo solidali
e vicini ai lavoratori e alle
lavoratrici dell’Ilva che con
grande determinazione e coraggio
sono stati in sciopero
per 24 ore contro gli esuberi
annunciati da Am Investco e
il peggioramento dei livelli
retributivi» le parole di Ludovica
Suriano, coordinatrice di
Unione degli Studenti Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche