22 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

«Con Melucci operazione politica di alto profilo»

Così Piero Bitetti che al ballottaggio ha sottoscritto un apparentamento formale


«Conosco bene la norma.
E la conoscevo ancor prima di siglare
il così detto apparentamento (collegamento
delle liste previsto per il
secondo turno di voto fatto alla luce
del sole e previsto dall’articolo 72
c.7 della legge che disciplina il funzionamento
degli enti locali) della
lista Taranto Bene Comune con il
candidato sindaco Rinaldo Melucci.

Eravamo consci del rischio di perdere
il seggio del sottoscritto, rischio
che- da verifiche effettuate- è stato
scongiurato. L’operazione politica
che abbiamo portato a termine negli
ultimi giorni è di più ampio profilo.
Non è legata alle poltrone».

Così
Piero Bitetti che al ballottaggio
ha sottoscritto l’apparentamento
formale con Rinaldo Melucci.
«Vogliamo portare al governo della
città – scrive Bitetti – l’esperienza
del nostro Movimento civile. A
ciò diamo priorità. Ad un progetto
nuovo ed indipendente da cui nascerà
un vero e proprio movimento politico.
L’esperienza di 7 liste e oltre 200
candidati che hanno proposto alla
città una vera “rivoluzione” politica
e culturale, raccogliendo il consenso
di circa 8000 concittadini. È a loro
che intendiamo dar voce in Consiglio
Comunale offrendo, al contempo, alla
città, il nostro modello di sviluppo alternativo
che si fonda sulle economie
aggiuntive e su due asset strategici:
l’università e la cultura».

«Vogliamo offrire – afferma ancora
Piero Bitetti – una programmazione
che consenta a Taranto di diventare
una vera città universitaria consolidando
la realtà esistente e sviluppandone
la presenza. Ed intendiamo,
inoltre, lavorare affinché la cultura
diventi il valore aggiunto di sviluppo
civile ed economico. Il quid pluris
tanto evocato ma non ancora realizzato.
Vogliamo che Taranto diventi una
città intelligente, una città digitale,
una vera smart city e che torni ad
essere capitale di un sistema economico
che ridia dignità e occupazione
alla sua popolazione. Vogliamo che
ci sia un’amministrazione efficiente, che garantisca servizi efficienti
ai cittadini, che garantisca decoro
urbano, ordine, legalità, sicurezza,
più verde, una città più ospitale
insomma, una città europea. La
condivisione di questi importanti
punti programmatici ha determinato
l’apparentamento con Rinaldo
Melucci».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche