25 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 25 Settembre 2021 alle 10:41:00

Cronaca

Anticipazioni di cassa al Comune, quattro assoluzioni

I giudici dell’Appello ribaltano la sentenza di primo grado


Anticopazioni di cassa al Comune: quattro assoluzioni in
Appello. Scagionata anche la Soget.
I giudici di secondo grado hanno
assolto gli ex dirigenti comunali
Luigi Lubelli, Carlo Aprile e Nicola
Gravina e la responsabile della Soget,
Maria Piccoli. In primo grado
erano stati condannati a vario titolo
per i reati di falso ideologico, truffa
aggravata, peculato. Cinque anni
erano stati inflitti a Maria Piccoli,
quattro anni a Lugi Lubelli, due
anni e sette mesi a Carlo Aprile
e a Nicola Gravina. Il Comune di
Taranto si era costituito parte civile
chiedendo 10 milioni di euro.

Nel mirino la convenzione con la
quale nel 2003 il Comune aveva
consegnato alla Soget la gestione
dei tributi, firmando un accordo
ritenuto“capestro” dall’accusa e
che impegnava L’Ente comunale a
pagare interessi sulle anticipazioni
riconosciute dalla società Soget.
Dopo 14 anni di processi è arrivata
la sentenza della Corte d’Appello
che ha accolto le richieste avanzate
dagli avvocati Franz Pesare e Nicola
Marseglia che hanno difeso Maria
Piccoli, dell’avvocato Antonio Altamura
che ha difeso Carlo Aprile.
dell’avvocato Luca Balistreri che ha
difeso Nicola Gravina e degli avvocati
Luigi Cecinato e Angelo Loizzi
che hanno difeso Luigi Lubelli.
In giudizio si sono costituite parte
civile la banca tesoriera del Comune
tra ite l’avvocato Carlo Petrone e
il Comune tramite l’avvocato Eligio
Curci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche