23 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 22 Gennaio 2022 alle 18:30:38

Cronaca

Sparatoria ai Tamburi, in tre ai domiciliari

Padre e due figli tornano a casa dopo le condanne


Sparatoria in
via Orsini: hanno ottenuto
gli arresti domiciliari padre
e due figli, condannati per un
agguato al fratello di un commerciante
di carni al mercato
coperto del rione Tamburi.

Accolte le richieste avanzate dagli avvocati Salavatore
Maggio e Armando De Leonardo
Si tratta di Gaetanino
Passarelli che è stato condannato
a sei anni di reclusione
e i figli Raffaello e Maurizio,
rispettivamente a cinque e a
quattro anni.

Il pm aveva chiesto
una condanna a sette anni per il padre e a sei anni e mezzo
per i due figli. Il giudice, però,
accogliendo la richiesta degli
avvocati Maggio e De Leonardo
non ha applicato le aggravanti
dei futili motivi e della vendetta.
La sparatoria nell’aprile del
2016. I tre furono arrestati dai
carabinieri dell’Aliquota operativa
della Compagnia di Taranto
per tentato omicidio e porto abusivo
di armi. Le indagini avviate
dai militari si concentrarono
sui tre grazie alle dichiarazioni
dei testimoni presenti sul luogo
dell’agguato.
I tre sarebbero arrivati davanti
ad una macelleria del mercato
coperto a bordo di una
macchina. Scesi dalla vettura,
Gaetanino Passarelli e il figlio
Raffaello si sarebbero avvicinati
all’esercizio sparando colpi di
pistola contro il fratello del titolare.

Dopo l’agguato, la fuga. I
carabinieri hanno poi rinvenuto
la loro vettura abbandonata nelle
campagne del rione Tamburi
Per gli investigatori il movente
è da ricondurre ad una serie
di dissidi tra i Passarelli e la
vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche