Cronaca

Rapina con sparatoria, preso uno dei banditi

Recuperato il bottino di quasi 30mila euro


Rapina con
sparatoria: preso uno dei banditi.

E’ rimasto ferito al gluteo. Si tratta
di Pasquale Carparelli, 63 anni, di
San Vito dei Normanni. E’ piantonato
nell’ospedale di Castellaneta.
Risponde di tentato omicidio, rapina
aggravata, sequestro di persona
e detenzione eporto abiusivo di
armi. Momenti di terrore per la
scorribanda di cinque malviventi
che nella tarda serata di ieri hanno
preso di mira un’azienda agricola
che producee funghi a Castellaneta
Marina, la De Biasi.
I malfattori hanno fatto irruzione
negli uffici e dopo aver immobilizzato
i familiari del titolare, minacciandoli
con pistole e fucili, si sono
fatti consegnare il denaro custodito
in cassa e i soldi per il pagamento
dei dipendenti.

Il sistema di allarme collegato con
le forze dell’ordine ha fatto piombare
sul posto alcune pattuglie dei
carabinieri del Nucleo operativo
radiomobile della Compagnia di
Castellaneta le quali hanno bloccato
uno dei rapinatori dopo un
conflitto a fuoco. Ieri sera pochi
minuti prima delle 20 uno sconosciuto
ha suonato al citofono del
cancello principale dell’azienda,
dichiarando di voler acquistare un
quantitativo di confezioni di funghi
(l’azienda dispone anche di un
punto vendita interno).
Ad aprire è andato il figlio del
proprietario, che si è visto puntare
contro un fucile.
Il bandito ha costretto la vittima ad
avviarsi verso l’abitazione, annessa
all’azienda. Un familiare del giovane
però ha notato la scena e ha dato
l’allarme.

Successivamente sono
entrati in azione altri quattro rapinatori
i qiuali hanno minacciato
il ragazzo chiedendo dove fossero
depositati gli incassi.I malviventi
volevano mettere le mani sui soldi
delle paghe. Avevano arraffato già
il bottino quando, sono intervenuti
i carabinieri . Un dei rapinatori
ha sparato contro i militari. Subito
dopo il primo colpo i banditi si
sono dati alla fuga abbandonando
l’ostaggio. I carabinieri hanno
risposto al fuoco, effetuando poi
una battuta nei campi. Sono state
le tracce di sangue che i militari
sono riusciti ad individuare, a
condurli sino al punto dove si era
fermato, ferito alle gambe, uno dei
malfattori.
Si era nascosto dietro la vegetazione
a duecento metri dall’azienda.

L’uomo arrestato aveva con sé l’intero bottino, quasi 30mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche