18 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Maggio 2021 alle 08:41:07

Cronaca

​Premio Malala per promuovere legalità e istruzione​

Sottoscritti alla presenza del prefetto Donato Cafagna, gli accordi di partenariato


Sottoscritti alla presenza
del prefetto Donato Cafagna,
gli accordi di partenariato che istituiscono
e danno il via all’attuazione
al “Premio Malala Yousafzai”, progetto
che nasce dalla collaborazione
tra le principali amministrazioni
pubbliche della Puglia, presentato
nel corso della conferenza stampa
congiunta tenutasi presso il castello
Aragonese.

Il riconoscimento, ispirato
alla più giovane vincitrice del
Nobel per la pace, insignita per il
suo impegno nella promozione dei
diritti civili e del diritto all’istruzione,
mira a sostenere gli istituti scolastici
impegnati a difendere un diritto
all’istruzione frequentemente leso
da atti di violenza e vandalismo, in
contesti socio-culturali disagiati. La
rete di Amministrazioni pubbliche,
da quest’anno, Regione Puglia,
Direzione Regionale della Puglia
dell’Agenzia delle Entrate e Ufficio Scolastico Regionale della Puglia,
in collaborazione con Questura di
Taranto, Compartimento Polizia
Postale e delle Comunicazioni “Puglia”,
Comune di Taranto, Comando
Marittimo Sud della Marina Militare,
hanno scelto di condividere
un obiettivo comune: promuovere
la legalità in tutti i suoi volti, a
cominciare dai banchi di scuola.

Per inaugurare questa sinergia le
Istituzioni hanno stabilito di porsi
al fianco di una scuola costretta a
combattere ogni giorno per tutelare
la dignità e la libertà di tutti. In
questa prima edizione il premio sarà
attribuito all’istituto comprensivo
L. Pirandello di Taranto, teatro dal
settembre scorso di vari episodi di
vandalismo culminati nell’attacco
del 23 aprile che rese inagibile la
scuola costringendola a sospendere
le lezioni.
Un black day che l’assegnazione del
“Premio Malala Yousafzai” intende
trasformare in un rinnovato inizio,
rafforzando il forte segnale già
lanciato dal presidente della Repubblica,
Sergio Mattarella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche