Cronaca

Cancellazione dei voli Ryanair, la Federconsumatori di Taranto scende in campo

Ecco come ottenere rimborsi e risarcimenti


La Federconsumatori provinciale di Taranto è pronta a fornire assistenza a tutti i cittadini che hanno subito disagi e danni a causa delle cancellazioni di voli da parte della compagnia aerea low cost Ryanair.

Ne dà notizia la presidente provinciale Maria Antonietta Brigida spiegando che «su tutto il territorio nazionale Federconsumatori si è attivata per tutelare i cittadini facendo valere i loro diritti violati da Ryanair; la Federconsumatori, inoltre, ha chiesto l’avvio di un confronto con l’Enac al fine di verificare la possibilità di definire procedure semplificate per i dovuti rimborsi e risarcimenti che spettano ai cittadini, nonché per porre in essere ogni provvedimento utile a scongiurare il verificarsi di situazioni analoghe in futuro».

«A Taranto i cittadini possono rivolgersi presso lo sportello di Federconsumatori – ha poi detto Maria Antonietta Brigida – al Piazzale Bestat n.31, dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.00, e il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle ore 16.30 alle ore 19.00, o telefonare allo 0997390608 o inviare una e-mail afederconsumatori-ta@libero.it».

La Carta dei diritti del passeggero dell’Enac prevede queste tutele per chi viaggia in aereo.

Il passeggero ha diritto innanzitutto ad un rimborso del prezzo del biglietto per la parte del viaggio non effettuata, oppure ad un altro volo il prima possibile o in una data successiva più conveniente per lui, in condizioni di viaggio comparabili.

Inoltre la compagnia, in questo caso Ryanair, si dovrà far carico dell’assistenza con pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa, di una adeguata sistemazione in albergo, nel caso in cui siano necessari uno o più pernottamenti, del trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa, di due chiamate telefoniche o messaggi via telex, fax o e-mail.

In alcuni casi il passeggero ha diritto anche alla compensazione pecuniaria calcolata in base alla tratta e alla distanza percorsa: voli intracomunitari inferiori o pari a 1.500 km, 250 euro; voli intracomunitari superiori a 1.500 km, 400 euro; voli internazionali inferiori o pari a 1.500 km, 250 euro; voli internazionali tra 1.500 e 3.500 km, 400 euro; voli internazionali superiori a 3.500 km, 600 euro.

Mentre la compensazione pecuniaria non è dovuta: nel caso il passeggero venga informato della cancellazione con almeno due settimane di preavviso; nel caso il preavviso venga fornito tra le 2 settimane e i 7 giorni prima della data di partenza e nel caso in cui venga offerto un volo alternativo che parta non più di 2 ore prima rispetto a quello previsto e arrivi al massimo 4 ore dopo; se nei 7 giorni antecedenti alla partenza è stato offerto al passeggero un volo alternativo che parta non più di 1 ora prima rispetto all’orario previsto per la partenza e che arrivi meno di 2 ore dopo rispetto all’orario previsto per l’arrivo.

Inoltre la normativa prevede anche la possibilità di un risarcimento supplementare correlato alle spese aggiuntive che il cittadino ha dovuto sopportare (es. taxi, costo maggiore biglietto, ecc), in questo caso la compensazione pecuniaria può essere decurtata da esso. Per questo consigliamo ai cittadini coinvolti di conservare tutte le ricevute attestanti le spese sostenute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche