29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 11:00:10

Cronaca

Petrocelli: “L’impegno dell’Università per la salute e l’ambiente”


TARANTO – La condanna per l’atto vandalico che ha devastato Economia e la conferma dell’impegno su Taranto per quel che attiene i corsi universitari con uno sguardo particolare per quelli che riguardano la sfera della salute. Ma c’è anche spazio per il dibattito sulla questione Ilva nel discorso del Rettore dell’Università degli studi di Bari, Corrado Petrocelli, che stamattina, prima di dare il via ai lavori del Senato accademico in riva allo Ionio ha tenuto una conferenza stampa presso la Facoltà di Economia. Si parte proprio dal raid del 6 agosto, lo stesso che ha danneggiato l’impianto fotovoltaico della sede universitaria di via lago Maggiore, i laboratori e gli uffici della presidenza.

Il Rettore ha stigmatizzato l’atto vandalico (e con lui l’assessore provinciale all’Università Francesco Massaro) confermando l’impegno su Taranto sia dal punto di vista della didattica quindi con il mantenimento dei corsi attivati nel capoluogo ionico che anzi verranno potenziati con la riattivazione dei corsi afferenti a Medicina e anche per quel che riguarda la ricerca ambientale. Quindi il passaggio sulla questione Ilva: il polo scientifico tecnologico attivato a Taranto deve essere interlocutore privilegiato quando si parla di bonifiche, e nella individuazione di tecnologie in grado di conciliare ambiente e lavoro, ha detto il Rettore notando come invece sembra che l‘attenzione sul caso Ilva si sia concentrata quasi unicamente sugli aspetti giuridici e sindacali. E’ invece la ricerca scientifica che può fornire le soluzioni tecnologiche. Dall’1 novembre le Facoltà cederanno il posto ai dipartimenti. Il dipartimento ionico – come riferisce il preside di Giurisprudenza, Antonio Uricchio – potrà contare oltre che sulle facoltà e sui corsi di laurea esistenti anche su un potenziamento della Medicina con la riattivazione dei corsi dell’area medica che erano stati temporaneamente sospesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche