22 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Aprile 2021 alle 15:06:21

Cronaca

Giro di usura nel Borgo. Fermato il terzo uomo


TARANTO – Giro di usura la Borgo: fermato dai carabinieri un altro complice di Luciano Donati. I militari della stazione Taranto Principale, coadiuvati dai loro colleghi dell’Aliquota Operativa della Compagnia, diretti dal tenente Pietro Laghezza e dal maresciallo Luigi D’Oria, hanno sottoposto a fermo Cataldo Folda, tarantino di 62 anni. L’uomo è considerato dagli investigatori dell’Arma il braccio destro di Donati. Sempre presente ad ogni incontro tra il presunto usuraio e le sue vittime, con i suoi modi duri le intimidiva, minacciandole pesantemente di compiere ritorsioni anche nei confronti delle loro famiglie Tutto è nato con l’arresto di Angelo Gualano, sorpreso dai militari dell’Arma mentre ritirava lo scorso 28 agosto, la somma di 600 euro da una commerciante sotto usura.

Da quel momento è partita l’attività d’indagine dei carabinieri i quali sono riusciti a risalire in pochi giorni al capo dell’organizzazione, Luciano Donati. Quest’ultimo, già sottoposto agli arresti domiciliari, il 2 settembre è stato condotto nel carcere di San Vittore, a Milano. Rimaneva un tassello per completare il puzzle. C’era un altro complice di Donati che aveva preso in consegna le pellicce della commerciante, date in garanzia, in attesa del saldo del debito. Ieri pomeriggio, durante perquisizioni eseguite dai carabinieri su delega del pm, dott.ssa Lucia Isceri, nell’abitazione di un parente di Folda sono state rinvenute le tre pellicce consegnate dalla “donna coraggio” finita sotto usura. I carabinieri sono stati ringraziati personalmente dalla commerciante che li ha considerati i suoi “angeli custodi”. Per combattere questa piaga sociale è fondamentale la collaborazione della vittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche