Cronaca

​Dieci chili di droga, condannato a sei anni​ di reclusione

Un 64enne agli arresti domiciliari con l’abbreviato


Droga in casa: dopo
la condanna ottiene gli arresti domiciliari.

Si tratta del sessantacinquenne
Roberto Micoli che è stato processato
dal gup del tribunale, con il
rito abbreviato, e condannato a sei
anni di reclusione e a una multa di
8mila euro.
L’uomo, che è difeso dall’avvocato
Fausto Soggia e risiede nel quartiere
Tamburi, era finito in carcere a
giugno scorso durante una operazione
condotta dai carabinieri del
comando provinciale.
Micoli. che è un incensurato, nascondeva
in casa 10 chilogrammi
di sostanze stupefacenti.

Gli investigatori dell’Arma insospettiti
dalla presenza di tossicodipendenti
nei pressi dell’abitazione
del sessantacinquenne, ubicata
nel quartiere periferico, avevano
deciso di eseguire una perquisizione
domiciliare. Un accurato
controllo in casa aveva consentito
di rinvenire e sequestrare cinque
chili e seicento grammi di eroina, tre chili e settecento grammi di
hashish e poco più di cento grammi
di cocaina.
La droga era in parte già suddivisa
in dosi e in parte ancora in panetti.
I carabinieri in quel bitz avevano
sequestrato anche un bilancino
di precisione e una confezione di medicinale contenente sostanza da
taglio utilizzata per il confezionamento
delle dosi. Sotto sequestro
anche la somma di 400 euro,
soldi ritenuti provento dell’attività
illecita.

Dopo la condanna a sei
anni l’uomo è tornato a casa, ai
“domiciliari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche