23 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 22 Giugno 2021 alle 16:09:36

Cronaca

Documenti falsi per le truffe, preso mentre era in banca

Un 66enne finito nella rete dei Carabinieri


TARANTO – In banca con documenti falsi che servivano per le truffe.
I carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno arrestato, per falsità materiale commessa da privato, uso di atto falso, sostituzione di persona, truffa e possesso di documenti falsi, un sessantaseienne tarantino già noto alle forze dell’ordine.
I militari sono intervenuti nella filiale di un istituto di credito nel centro del capoluogo jonico, dove, pochi minuti primaun uomo già conosciuto dalle forze dell’ordine per reati legati alla truffa, munito di documenti d’identità falsi nonché di documentazione fiscale e tributaria contraffatta, era intento a convincere un impiegato ad aprire un conto corrente.
Il tentativo di raggiro è stato interrotto proprio dai carabinieri intervenuti sul posto dopo una chiamata.
Dall’analisi del modus operandi del 66enne è stato infatti accertato il suo intento di procedere all’apertura di diversi conti correnti su cui fare confluire del denaro finalizzato evidentemente al percepimento illecito di finanziamenti.
Nel corso del controllo i carabinieri hanno perquisito l’uomo trovandolo in possesso di documenti d’identità falsi e di una copia di documentazione fiscale e bancaria contraffatta. Tutti i documenti sono stati sequestrati e nelle prossime ore saranno analizzati per accertare se il 66enne abbia compiuto altre truffe.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, su disposizione del magistrato di turno presso la Procura tarantina , è stato sottoposto ai “domiciliari”.
L’operazione eseguita ieri dagli investigatori dell’Arma ha consentito di sventare raggiri ai danni delle finanziarie e di ignari cittadini ai quali è stata rubata l’identità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche