Cronaca

​«Statale 100 troppo pericolosa, già due tragedie»​

Sulla Taranto-Bari interrogazione di Borraccino


Statale 100 pericolosa: chiesto
un intervento urgente della Regione Puglia.

Il consigliere regionale Mino Borraccino, ha
presentato una interrogazione al consiglio
regionale della Puglia. “I dati contenuti in
una relazione dell’Agenzia Regionale per la
Mobilità della Regione Puglia indicano la
statale 100 tra le strade pugliesi a più alto indice
di mortalità- dice Borraccino- dall’inizio
dell’anno ad oggi, infatti si sono già verificati
due incidenti mortali, compreso quello del
1° gennaio 2018 in cui hanno perso la vita
ben quattro giovani. Da anni sono in corso
dei lavori su questa importantissima arteria
stradale che collega Taranto a Bari, percorsa
quotidianamente da migliaia di cittadini, pendolari,
lavoratori e studenti che si muovono tra
i due capoluoghi, ma il tratto tarantino della
arteria, da Gioia del Colle sino a Taranto,
continua a presentare evidentissimi profili
di alta pericolosità che mettono gravemente
a rischio l’incolumità di quanti lo percorrono,
a causa dell’assenza di uno spartitraffico che
divida le due carreggiate e della presenza di
numerosi svincoli e accessi ad attività agricole,
commerciali e imprenditoriali.

Il Piano
dei Trasporti regionale 2015 – 2019 aveva
previsto interventi di ammodernamento della
statale 100- prosegue- ma al momento solo il
tratto ricadente nella provincia di Bari risulta
rifatto, mentre il tratto tarantino continua ad
essere a doppia corsia, costituendo un pericolo
costante in termini di sicurezza per i cittadini.
Pertanto abbiamo chiesto all’assessore
Nunziante un intervento urgente sugli enti di
competenza, tra cui l’Anas, affinchè tale tratto
stradale possa essere urgentemente messo in
sicurezza. Occorre realizzare, come nel tratto
barese, lo spartitraffico, l’allargamento della
sede stradale, il miglioramento della pavimentazione,
l’integrazione di apposita segnaletica
verticale e orizzontale, con bande rumorose e
segnalatori di velocità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche