24 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 24 Ottobre 2020 alle 16:49:01

Cronaca

Getta dalla finestra due pistole e l’eroina

Una arresto della Squadra Mobile nel quartiere Paolo VI


Nascondeva pistole e droga in casa. Cosimo Novellino, 39enne già noto alle forze dell’ordine, è finito nella rete dei poliziotti della Squadra Mobile durante una operazione scattata a Paolo VI. Appena gli agenti in borghese hanno bussato alla sua porta di casa, Novellino si è disfatto di un borsello lanciandolo fuori da una finestra.

Il suo gesto però è stato notato da altri poliziotti della Sezione “Falchi” che erano appostati in strada.
Nel borsello una pistola semiautomatica a salve con la canna modificata, completa di caricatore, marca Bruni, e un revolver risalente agli inizi del ’900, perfettamente oliato e funzionante, calibro 45, sprovvisto di matricola. Gli agenti hanno recuperato anche 340 grammi di eroina, già suddivisi in dosi, 250 grammi di sostanza da taglio e una decina di proiettili di vario calibro.
Novellino è stato raggiunto nella sua abitazione e trasferito nella casa circondariale. Negli ultimi giorni la Polizia di Stato ha istituito numerosi posti di blocco in città. Ha identificato 173 persone, quattro delle quali denunciate in stato di libertà per guida senza patente. Ha inoltre controllato 56 veicoli, uno dei quali è stato sequestrato perchè privo di copertura assicurativa.Sotto sequestro anche undici moto. Gli agenti della questura hanno elevato 35 contravvenzioni per violazione delle norme del codice della strada. Sono stati controllati anche numerosi circoli ricreativi e uno dei titolari è stato sanzionato perché privo di autorizzazione alla vendita di alimenti e bevande. Infine è stata elevata una sanzione amministrativa di 1.032 euro per commercio itinerante in zona vietata. I dettagli dei controlli anticrimine sono stati illustrati in conferenza stampa dal vice capo della Mobile, Giovanni Di Maggio, dal dirigente del Commissariato Borgo, Antonio Gaetani e dalla portavoce della questura, Ilaria Grippa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche