Cronaca

​Talsano, preso con dosi di coca e una pistola​

G​li agenti della Squadra Mobile hanno fermato un 38enne​


Sorpreso con cocaina e
pistola: arrestato dalla Polizia di Stato.

Nel pomeriggio di mercoledì gli agenti della
Squadra Mobile hanno fermato un
38enne già noto alle forze dell’ordine
dopo averlo trovato in possesso di 14
dosi di droga e di una pistola calibro
6.35, completa di caricatore con all’interno
cinque cartucce dello stesso
calibro. E’ stato fermato a Talsano,
in via Regina Margherita, mentre si
accingeva a salire sulla sua moto.

Gli
agenti lo hanno trovato in possesso di
un involucro contenente cocaina già
confezionata in dosi, Nel marsupio è
stato rinvenuto anche un coltellino,
una scheda utilizzata per dividere la
sostanza stupefacente e una somma
di denaro ritenuta provento dell’ attività
illecita . I poliziotti in borghese
hanno poi esteso la perquisizione
nell’abitazione del 38enne, casa che
è situata poco distante dal luogo del
controllo.

Nell’appartamento gli agenti oltre a rinvenire, all’interno
del bagno, due bilancini di precisione
intrisi di cocaina e tutto il necessario
per confezionare le dosi, hanno recuperato
all’interno del ripostiglio una
pistola marca “Browning’s-Patent”
Depose calibro 6.35. L’uomo è stato
condotto in carcere. Intanto anche
in questo fine settimana sono stati
intensificati i controlli di polizia, con
particolare attenzione ai locali pubblici
e ai loro avventori, per contrastare
lo spaccio di sostanze stupefacenti .
A Martina Franca, Grottaglie, Manduria
e Taranto nel quartiere Borgo,
sede del locale Commissariato Borgo
con l’ausilio del Reparto Prevenzione
Crimine di Lecce, ventuno sono stati
i locali controllati tra circoli ricreativi,
sale scommesse, bar e ristoranti.

Oltre trecento le persone controllate.
Diciassette i fermi amministrativi
eseguiti soprattutto per la mancanza
della copertura assicurativa. Ventitrè
le multre per guida senza casco.
Diciannove gli automobilisti risultati
positivi all’alcooltest, Sanzionati,
infine, nove parcheggiatori abusivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche