19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Cronaca

In casa la centrale del falso. In manette mister truffa


TARANTO – In casa la centrale per il falso: arrestato mister truffa. I poliziotti della Squadra Volante hanno fermato il sessantanovenne Cosimo Mancone, persona già conosciuta dalle forze dell’ordine. Gli agenti della questura intorno alle 12 di ieri durante un mirato accertamento, scattato per verificare la vera identità di una persona che aveva preso in affitto da poco un appartamento, si sono recati in uno stabile di via Cesare Battisti. Saliti al quarto piano del palazzo hanno bussato alla porta dell’abitazione, ma l’inquilino, nonostante le continue richieste, non ha aperto . Dopo alcuni minuti i poliziotti sono stati raggiunti sul pianerottolo dal Cosimo Mancone, noto come abile truffatore, il quale ha consentito loro di entrare nell’appartamento, dopo essersi fatto aprire la porta da sua madre.

Insospettiti dai rumori provenienti dalle altre stanze della casa e, nonostante il sessantanovenne continuasse a dichiarare che in casa non c’erano altre persone, hanno deciso di eseguire un accurato controllo in tutto l’appartamento. Nella camera da letto i poliziotti hanno scoperto una vero e proprio laboratorio per la falsificazione di qualsiasi tipo di documento. Infatti hanno rinvenuto due computer, quattro stampanti, due hard disk esterni, quattro telefonini cellulari con altrettante Sim, oltre che ad una notevole quantità di documenti abilmente contraffatti. Nel corso dell’ispezione hanno sequestrato carte d’identità, tessere sanitarie, buste paga, documenti bancari, valori bollati e timbri di uffici pubblici, tutti taroccati. Hanno inoltre recuperato il materiale necessario per l’attività truffaldina. Durante gli accertamenti è emerso un particolare curioso: all’interno della casa era stata appena montata una cucina, acquistata con un finanziamento, ovviamente ottenuto attraverso falsa documentazione. Cosimo Mancone è stato condotto negli uffici della questura di via Palatucci e dichiarato in arresto per truffa, ricettazione, sostituzione di persona, possesso, fabbricazione e contraffazione di documenti e di valori bollati. Le indagini proseguono per risalire ad eventuali vittime ma anche a complici del mago della truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche