25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 20:54:00

Cronaca

​Ilva, Ugl: nella trattativa al Mise manca ancora la trasparenza​

«È ancora un mistero capire se ArcelorMittal intende ricorrere comunque agli esuberi» ​


La Ugl col segretario
nazionale Antonio Spera e provinciale
Domenico Gigante con al seguito
una delegazione metalmeccanici, ha
esposto al tavolo del Mise sull’Ilva
ancora una volta, problematiche
molto serie che non vengono inserite
nella discussione in maniera chiara
e trasparente.

E’ ancora oggi un
mistero capire se l’acquirente vuole
parlare ancora di esuberi, modificare
l’impianto classificatorio con relativa
retribuzione, se vuole modificare l’aspetto
contrattuale. Ribadisce inoltre
la notevole importanza dell’indotto
che subisce una ripercussione pari
alla durata della trattativa stessa,
senza una garanzia futura. Non dimentichiamoci
che quest’ultimi continuano
a non percepire la retribuzione
per intero dalle proprie aziende,
che a loro volta, non vengono pagate
puntualmente dai commissari Ilva,
ma versano esclusivamente acconti.
Il segretario generale di Taranto,
Alessandro Calabrese, ha inoltre
espresso un dubbio in merito all’andamento
della trattativa e gli accordi
“congelati” per proseguire la stessa.

Afferma che la procedura avviata
inizialmente (ex art. 47) è stata
congelata e pertanto non è del tutto
accantonata, la preoccupazione aggiunge,
che tale procedura sia stata
accantonata solo momentaneamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche