27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2021 alle 16:40:07

Cronaca

Copertura dei parchi Ilva, mozione in Parlamento

L’iniziativa dell’on. Gianfranco Chiarelli con l’obiettivo di contenere l’inquinamento del siderurgico tarantino


Mozione parlamentare
per la immediata cantierizzazione
delle opere di copertura dei
parchi minerali dello stabilmento
Ilva di Taranto.

E’ l’iniziativa annunciata dall’on.
Gianfranco Chiarelli con l’obiettivo
di contenere l’inquinamento del
siderurgico.
«Facendo seguito alle riflessioni
relative al perdurante grave rischio
per la salute dei lavoratori e
dei cittadini di Taranto, correlato
all’inquinamento industriale, e
in particolare a quanto accaduto
negli ultimi tempi in occasione
dei cosiddetti Wind Days – scrive
Chiarelli – ritengo assolutamente
improcrastinabile una iniziativa
del governo finalizzata alla immediata
cantierizzazione dei lavori di
copertura dei parchi minerali. Pertanto
ho predisposto una mozione
che depositerò nella prima giornata
utile di lavori della Camera dei
Deputati».

Nella mozione si fa riferimento
agli «ultimi fenomeni registrati, ed
ampiamente documentati a livello
di stampa internazionale, hanno
evidenziato un livello altissimo di
rischio per l’ambiente e la salute.
In presenza di una situazione di
elevata criticità il sindaco di Taranto
ha emanato, in occasione dei
wind days, ordinanza di chiusura
delle scuole site nel rione Tamburi,
quartiere più vicino all’insediamento
industriale, oltre ad una
serie di ulteriori prescrizioni per
tutti i cittadini, che hanno determinato
una forte limitazione per lo
svolgimento delle normali attività,
e in particolare per il diritto alla
istruzione».
«La copertura dei parchi minerali,
prevista dall’Aia, è da ritenersi
opera di assoluta urgenza non più
rinviabile».

Il provvedimento, che l’on. Chiarelli
si appresta a depositare, impegna
il Governo «ad individuare sul
piano normativo, in relazione agli
accordi sulla cessione degli asset
Ilva, interventi che prescrivano,
quale condizione irrinunciabile,
l’immediata cantierizzazione dei
lavori per la copertura dei parchi
minerali. In alternativa, a provvedere,
con emanazione di atto
normativo urgente, affinché sia
l’attuale gestione commissariale ad
attivarsi, reperendo i fondi necessari,
anche con eventuale ricorso
ai fondi rivenienti dal sequestro
ai danni della famiglia Riva, con
conseguente rimodulazione degli
accordi per il trasferimento alla
nuova gestione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche