19 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Aprile 2021 alle 15:35:44

Cronaca

Allarme indotto. In 490 verso la cassa integrazione


TARANTO – ‘Squilli’ di cassa integrazione. E lo spettro delle ripercussioni occupazionali del complesso caso Ilva che rischia di farsi dannatamente concreto. La Semat spa e la Edil Sider, due società che operano da anni nell’Ilva di Taranto, hanno annunciato ai lavoratori che intendono procedere a “ferie forzate” e a un “possibile ricorso alla cassa integrazione” per 490 dipendenti: 450 della Semat e 40 della Edil Simer. E’ quanto afferma in una nota il segretario generale della Fillea-Cgil di Taranto, Luigi Lamusta. L’esponente sindacale parla di “un attacco strumentale” e spiega che contro il disimpegno del Gruppo Trombini “opporremo con forza tutta la nostra azione sindacale.

Non accetteremo che a pagare siano i lavoratori delle imprese dell’appalto”. “I nostri delegati sindacali – continua Lamusta – sono stati chiamati dalle imprese e hanno ricevuto la notizia con annunci di catastrofi imminenti: si parla di cassa integrazione al buio con nessuna garanzia circa la possibile ripresa”. Secondo il segretario della Fillea, le due aziende appaltatrici hanno “ritirato i mezzi e il personale che operavano nelle aree a caldo” poste sotto sequestro dalla fine di luglio. Una mossa che, ‘traduce’ l’esponente del sindacato, vuol dire che “finite le ferie, i lavoratori potrebbero trovarsi sin da subito in cassa integrazione, consapevoli del fatto però che gli ammortizzatori sociali nel nostro caso sono liquidati dalla Cassa edile con tempistiche che a volte superano anche i sei mesi. Un allarme occupazionale e sociale che rischia di esplodere se non arriveranno da subito le necessarie garanzie”. A partire dalla prossima settimana la Fillea-Cgil annuncia assemblee di fabbrica e azioni mirate in tutte le imprese coinvolte. Il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni, ha invece dichiarato che “bisogna occuparsi della salute e della sicurezza. Ci sono stanziamenti nuovi, nuove operazioni, ma dobbiamo fare come la Germania, la Francia, che hanno acciaierie importanti e trovano il sistema per equilibrare” salute e sicurezza sul lavoro. “Per noi è essenziale produrre lì (a Taranto, ndr), se perdiamo l’acciaio di Ilva non potremo rifornire del nostro acciaio tutte le aziende siderurgiche italiane”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche