13 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Aprile 2021 alle 15:33:31

Cronaca

Allarme malavita: pistola in casa, arrestato un pregiudicato


TARANTO – La ‘mala’ si riarma, le forze dell’ordine rispondono. Nella tarda mattinata di ieri i poliziotti della Squadra Volante hanno tratto in arresto per possesso ingiustificato di arma da sparo il 56enne pregiudicato Francesco Appeso. Nel corso di un controllo di Polizia gli agenti – giunti nell’abitazione del pregiudicato al rione Salinella – hanno notato che la madre di quest’ultimo, in quel momento costretta a letto perchè malata, con una mossa repentina tentava di nascondere un oggetto sotto la federa del cuscino.

Gli agenti, a cui la mossa non era sfuggita e che si sono immediatamente insospettiti da questo strano movimento, hanno scoperto subito che l’oggetto nascosto sotto il cuscino non era un telecomando del televisore, come inizialmente dichiarato dalla donna, bensì un pistola calibro 6.35, anno di fabbricazione 1919, completa di matricola e di caricatore con sette cartucce dello stesso calibro. Dopo il ritrovamento, Appeso di spontanea volontà ha dichiarato che la pistola era di sua proprietà, e pertanto è stato condotto negli Uffici della Questura dove – dopo le formalità di rito – è stato tratto in arresto e condotto nel carcere di largo Magli. Per la donna è scattata la denuncia a piede libero. Sono in corso gli accertamenti del caso, per stabilire la provenienza dell’arma recuperata. L’operazione della Polizia si inserisce nel contesto del lavoro delle forze dell’ordine impegnate nell’arginare la diffusione delle armi nella nostra città, negli ambienti malavitosi, dopo la serie di atti criminosi che hanno caratterizzato le scorse settimane. In testa l’omicidio di Nicola Nibbio.

G.D.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche