Cronaca

​Candidato di CasaPound aggredito a sprangate​ in via Dante

Sono finiti in ospedale Raffaele De Cataldis e un simpatizzante


“Fascisti di m…” e giù
sprangate. Taranto come Livorno.

Aggrediti
a bastonate nella tarda serata di giovedì,
in via Dante, un candidato e un simpatizzante
di CasaPound. Una delle vittime è
Raffaele De Cataldis, candidato al Senato
per il movimento di estrema destra, l’altra
è un pensionato di settant’anni, Valerio
C. L’inquietante episodio è avvenuto intorno
alle 22. I due stavano affiggendo un
manifesto elettorale quano dal buio sono
sbucati quattro giovani incappucciati e
armati di spranghe.

Prima una colluttazione, poi bastonate in
testa al candidato e al simpatizzante di
CasaPound e la fuga. De Cataldis e Valerio
C. visibilmente sanguinanti hanno
dovuto far ricorso alle cure dei medici
dell’ospedale Ss. Annunziata. Entambi
colpiti al capo. Al primo sono stati applicati
sei punti di sutura, al secondo venti.
Raffaele De Cataldis guarirà in dodici
giorni, per Valerio C. invece un ricovero
osservazione e poi una prognosi di
venticinque giorni. Dopo l’aggressione si
è registrato un primo intervento dei poliziotti
della Squadra Volante.

In queste ore
per identificare i quattro incappucciati
stanno indagando gli agenti della Digos.
Clima da anni di piombo. L’aggressione
di ieri sera rappresenta una macchia per
una campagna elettorale che fino a ieri
nel capoluogo jonico è stata condotta
con toni civili da tutte le parti politiche.
Nelle ore precedenti un caso analogo a
Livorno. Un militante di CasaPound è
stato aggredito a quattro persone che,
cappucci in testa e bastoni alla mano,
prima lo hanno pestato e poi hanno danneggiato i finestrini della sua macchina ,
all’interno della quale c’era la compagna
incinta che, per fortuna, è rimasta illesa
anche se sotto choc. L’uomo, un parà in
servizio presso il 185/o reggimento Folgore
è stato dimesso dal pronto soccorso
dell’ospedale di Livorno con trenta giorni
di prognosi. Ha riportato una frattura al
naso ed ecchimosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche