26 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Novembre 2020 alle 15:39:01

Cronaca

​Litiga con i genitori e aggredisce agenti​

​Uno dei poliziotti ha dovuto fare ricorso alle cure dei medici per lesioni ad un braccio​


Dopo un furibondo litigio con i genitori ha aggredito
i poliziotti.

Un minorenne tarantino è stato denunciato,
dalla Polizia di Stat,o per lesioni a pubblico ufficiale.
Tutto è scaturito da una segnalazione di lite in famiglia in uno
stabile situato in pieno centro cittadino, dove pochi minuti
prima dell’arrivo di una “volante” della Polizia di Stato, un
minorenne aveva aggredito verbalmente i suoi genitori e rotto
le vetrate del portone d’ingresso dello stabile.

Gli agenti giunti in pochissimi minuti sul posto, hanno trovato
all’interno dell’androne i genitori ed il ragazzo ancora in preda
all’ira, il quale, alla loro vista ha assunto un atteggiamento
spavaldo e minaccioso sino ad aggredirli. Gli stessi poliziotti,
allo scopo di salvaguardare la propria incolumità, quella dei
genitori del ragazzo e soprattutto la sua, attraverso tecniche specifiche di contenimento sono riusciti ad immobilizzarlo e
a metterlo in condizioni di non nuocere. Nelle fasi concitate
uno degli agenti ha riportato lievi ferite ad un braccio, giudicate
guaribili in pochi giorni.
Invece a Manduria la Polizia di Stato ha arrestato un uomo
per un furto su auto.

Ieri sera gli agenti del locale Commissariato, al termine di
accurate indagini, hanno fermato Patrizio Moscagiuri, trentanovenne
già noto alle forze dell’ordine.
Deve rispondere di danneggiamento e di furto aggravato.
Nel primo pomeriggio un cittadino si è presentato presso gli
uffici del Commissariato denunciando di aver subito il danneggiamento
del vetro anteriore destro della sua autovettura
ad opera di un individuo che, transitando in sella ad una bicicletta,
aveva lanciato un sasso mandandolo in frantumi.

La circostanza era stata riferita da alcuni passanti.
Nel frattempo un altro cittadino si è presentato negli uffici
della Polizia di Stato per denunciare il furto dall’interno della
sua macchina di un borsello contenente documenti personali
e circa 200 euro. Nella circostanza il malcapitato ha riferito
che prima di entrare nell’abitacolo dell’auto parcheggiata
davanti alla sua abitazione aveva notato il vetro in frantumi.
La conoscenza del territorio e delle persone solitamente dedite
a ai cosiddetti reati predatori da parte degli investigatori del
Commissariato, ha consentito di individuare nel Moscagiuri il
possibile autore dei danneggiamenti e del furto. Infatti rintracciato
presso la sua abitazione, dopo attimi di reticenza, ha ammesso
di essere l’autore sia del danneggiamento che del furto
compiuto a bordo della Kia Picanto, in via Fabrizi.

Nel giardino
di pertinenza della sua abitazione è stata rinvenuta anche la
bicicletta in sella alla quale era stato notato dai passanti.
Lo stesso Moscagiuri ha fatto recuperare la borsa rubata,
contenente solo i documenti e gli effetti personali che successivamente
sono stati restituiti al proprietario.
Il trentanovenne è stato condotto nella sua abitazione dove
dovrà rimanere ai “domiciliari”.

Nei giorni precedenti durante
i consueti controlli del territorio la Polizia di Stato aveva
denunciato tre persone e idnetificato l’autore della cosiddetta
“truffa dello specchietto”. Quest’ultimo, individuato dalla
Squadra Volante, è un 52enne siciliano, con a carico numerosi
precedenti per truffa.
L’uomo era stato poco prima segnalato da un donna perché
a bordo da una Fiat Bravo aveva inscenato un finto incidente
stradale per chiedere un rapido risarcimento. Il presunto truffatore
è stato fermato poco dopo in viale Europa, a Talsano
e accompagnato negli uffici della questura. Dopo gli accertamenti
di rito per lui è stato proposto per il foglio di via obbligatorio.
Gli agenti hanno inoltre segnalato un automobilista
per possesso di oggetti atti ad offenderee e un ventunenne
tarantino per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche