31 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 31 Luglio 2021 alle 14:03:00

Cronaca

​Campo rom sgomberato e murato il sottopasso​

Operazione della Polizia di Stato e della Polizia Locale


Dopo diverse segnalazioni giunte nella mattinata di mercoledì alla centrale
operativa della questura, gli agenti
della Squadra Volante e dell’Ufficio
Immigrazione hanno effettuato un
controllo nel sottopasso adiacente
il prolungamento di via Magnaghi,
all’altezza dello svincolo per il ponte
Punta Penna.

Era stata segnalata la presenza di persone
che si erano accampate in quella zona .
Sul posto i poliziotti hanno effettivamente
costatato la presenza all’interno del
sottopasso di una decina di posti letto
con annessi tavoli e cucina, in pessime
condizioni igieniche.
Dai successivi controlli delle zone
circostanti gli agenti della questura di via
Palatucci hanno individuato tre cittadini
rumeni di etnia rom che hanno confermato
di essere gli occupanti, insieme ad altri
connazionali, di quei luoghi.
I tre uomini rispettivamente di diciotto,
ventiquattro e ventinove anni sono stati
accompagnati negli uffici della questura.

Il ventinovenne nel corso degli
accertamenti è risultato gravato da
precedenti penali per reati contro il
patrimonio e la persona.
Dopo gli accertamenti eseguiti dai
poliziotti dell’Ufficio Immigrazione è
stato notificato ai tre il decreto prefettizio
di allontanamento dal territorio nazionale essendo venute a mancare le condizioni
che ne determinano il soggiorno.
Della situazione sono stati poi interessati
gli enti competenti per il ripristino dei
luoghi.
Infatti stamattina si è registrato l’intervento
degli agenti della Polizia Locale e dei
tecnici del Comune.

L’amministrazione comunale ha
provveduto a far murare l’area degradata
perché occupata da stranieri senza
fissa dimora che purtroppo l’avevano
trasformata in una sorta di accampamento
con decine di letti e tavole imbandite
tenuti in pessime condizioni igieniche.
Ieri lo sgombero della Polizia di Stato
e stamattina le operazioni di bonifica
dell’intera area.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche