Cronaca

Tragedia Ilva, muore un operaio dell’appalto

Incidente al quarto sporgente dell'area Ima


E’ morto l’operaio di 28 anni dell’impresa appaltatrice Ferplast vittima di un infortunio sul lavoro accaduto questa mattina all’Ilva di Taranto. Le condizioni dell’operaio erano apparse subito molto gravi.

L’incidente è avvenuto al quarto sporgente dell’area Ima, Impianti marittimi. Il lavoratore stava provvedendo ad un cambio fune ad una delle gru che scaricano i minerali che servono alla produzione dell’acciaio.

Angelo Fuggiano è morto
stamattina per portare il pane a casa.
Aveva 28 anni.

«La sicurezza deve essere al
centro della vertenza Ilva», ha dichiarato
l’arcivescovo Filippo Santoro a TarantoBuonasera.
«Basta celebrare funerali,
bisogna sostenere la vita. Si lavora per la
vita non per la morte. C’è ancora molto
da fare, ci sono lacune gravi. La mia preghiera
e la mia vicinanza alla famiglia di
Angelo Fuggiano e agli operai dell’Ilva
e dell’indotto».

Tutti i particolari e gli approfondimenti nell’edizione di oggi di Taranto Buonasera in distribuzione a partire dalle 16.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche