Cronaca

​Evade e se ne va a spasso, preso nel centro di Statte​

​I controlli delle persone sottoposte a misure limitative della libertà personale ​


Evade dai domiciliari
e se ne va a spasso: arrestato dai
carabinieri.

I militari della Stazione
di Statte hanno fermato Francesco
Lippolis 20enne, del posto, che era
agli arresti domiciliari per reati
contro il patrimonio.
Durante un servizio finalizzato al
controllo delle persone sottoposte
a misure limitative della libertà
personale hanno accertato che il
giovane si era allontanato dalla sua
abitazione violando le prescrizioni
impostegli dalla misura alla quale
era sottoposto.
Le immediate ricerche hanno consentito
ai militari di rintracciare
il 20enne mentre passeggiava nel
centro di Statte.

Lo hanno condotto in caserma e
dopo aver accertato che non aveva
alcun permesso che lo autorizzasse
ad uscire di casa, lo hanno dichiarato
in arresto per evasione e, su
disposizione dell’autorità giudiziaria,
trasferito nella casa circondariale
del capoluogo jonico. Invece
i carabinieri della Compagnia di
Martina Franca hanno eseguito
servizi di controllo del territorio
nella cittadina del festival ma anche a Grottaglie, Montemesola, Monteparano,
Monteiasi, San Giorgio
Jonico, Carosino e Roccaforzata.
In esecuzione di ordine di carcerazione
i militari hanno arrestato e
condotto nella casa circondariale
di Taranto un 56enne di Martina
Franca, condannato a cinque anni
e due mesi di reclusione perché
riconosciuto colpevole di reati in
materia di frode commerciale.

Nel corso degli stessi controlli
sono stati denunciati in stato di
libertà un 25enne di Palagiano, in
quanto, nonostante fosse ai domiciliari
presso una comunità della
provincia, si è reso responsabile
del reato di evasione; un 61enne,
di nazionalità albanese, residente a
San Giorgio Jonico, trovato in possesso
di un coltello a serramanico;
un 21enne, di Grottaglie trovato in
possesso di 14 grammi di hashish,
180 euro e materiale utilizzato per
il confezionamento delle dosi; un
49enne di Martina Franca per violazione
della sorveglianza speciale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche