25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 07:30:39

Cronaca

L’appello: «Prima la salute e la vita»

Anche i Medici per l’Ambiente si rivolgono al ministro per lo Sviluppo Di Maio


“Dal nuovo Governo ci aspettiamo
in primis un intervento sui territori
vittime di discriminazione in termini di
salute. Taranto ha bisogno di fatti, di chiarezza,
del ripristino immediato di condizioni
di vita salubre”.

Così dal Capoluogo Jonico lancia un appello
al nuovo Governo la presidente di
Isde – Medici per l’Ambiente, Mariagrazia
Serra. “I medici da tempo hanno espresso le
loro opinioni riguardo lo stato di salute dei
cittadini, i primi a pagare le conseguenze
delle malattie inquinamento-correlate sono
i soggetti appartenenti alla fascia maternofetale”
sottolinea la dottoressa Serra.
“Nei quartieri limitrofi all’industria la gente
vive nel degrado e in un ambiente malsano,
non adatto ad una qualità di vita perlomeno
accettabile.

Le indagini epidemiologiche
si susseguono dal lontano 1981. Da tempo
testimoniano un danno nella popolazione
legato inequivocabilmente all’inquinamento.
Noi, medici che da tempo conoscono le patologie
più frequenti sul territorio, riteniamo
inutilmente dispendioso proseguire studi
che confermano ciò che ormai è acclarato.
Alla luce di tali evidenze scientifiche il Governo
non può più procrastinare un provvedimento
che è necessario alla sopravvivenza
della popolazione jonica. La più inquinante
acciaieria d’Europa non può continuare
a produrre acciaio in nome della tutela di
un numero sempre inferiore e precario di
posti di lavoro contro un bacino, purtroppo,
sempre maggiore di ammalati e morti”.

“I medici dell’Isde di Taranto – conclude la
presidente – chiedono un impegno preciso al
Governo e in particolare al neo ministro allo
Sviluppo Economico Di Maio: nella vicenda
Ilva si metta al primo posto la salute e una
buona qualità della vita per chi abita un territorio
che, come Taranto, ha tante altre fonti
di economia e sviluppo che non incidono
così gravemente sulla popolazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche