12 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Aprile 2021 alle 07:19:17

Cronaca

Truffa all’Inps. La Gdf denuncia 650 persone


TARANTO – Truffa da un milione di euro all’Inps per indebita percezione di indennità di accompagnamento. 650 persone sono state denunciate, tra il capoluogo e la provincia jonica, dai militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle hanno eseguito tra luglio e settembre una serie di controlli per verificare la regolarità della percezione della indennità di accompagnamento in caso di ricoveri in strutture sanitarie di riabilitazione o di lungodegenza, a totale carico dello Stato, per periodi superiori ai trenta giorni. La Guardia di Finanza hanno acquisito presso la locale azienda sanitaria gli elenchi delle persone ricoverate presso strutture sanitarie della provincia di Taranto, incrociandoli con gli elenchi dei percettori di indennità di accompagnamento, acquisiti contestualmente presso la sede provinciale dell’Inps.

Al termine di questa prima fase delle indagini, per ogni singola persone è stata verificata l’osservanza dell’obbligo di comunicazione allo stesso ente previdenziale entro il 31 marzo di ogni anno, con riferimento ai periodi di ricovero dell’anno precedente. L’ attività investigativa, che ha riguardato circa 30mila posizioni, ha consentito di individuare 650 persone che, pur essendo state ricoverate in strutture sanitarie, hanno omesso l’invio della prevista comunicazione ovvero hanno comunicato dati inesatti, percependo indebitamente l’indennità di accompagnamento anche per quei periodi in cui risultavano ricoverati presso strutture sanitarie a totale carico dello Stato. I finanzieri hanno effettuato le dovute segnalazioni all’Inps per l’attivazione delle procedure di recupero delle somme indebitamente percepite per un ammontare complessivo di oltre un milione di euro. I 650 sono stati segnalati all’autorità giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche