Cronaca

Sottraeva i farmaci ai pazienti. Arrestato ortopedico della Asl


TARANTO – Un ortopedico in servizio alla Asl è stato arrestato in flagranza di reato dalla Guardia di Finanza, con l’accusa di peculato. Nei guai è finito il 56enne Giulio Franco, medico in servizio presso un poliambulatorio dell’azienda sanitaria locale. E’ stato fermato, stamattina, nel poliambulatorio di via Ancona dai militari in borghese del Nucleo di polizia tributaria. Durante le indagini condotte dagli investigatori delle Fiamme Gialle è emerso che l’ortopedico si sarebbe appropriato illecitamente di costosi farmaci coperti da brevetto sulla molecola e per questo non sostituibili, e li avrebbe sostituiti, nel trattamento delle infiltrazioni muscolari dei pazienti, con altri farmaci la cui natura sarà accertata dagli specialisti. L’input alle indagini è arrivato da una anziana paziente che era sottoposta ad un trattamento presso il polimbulatorio di via Ancona, per curare una lesione al ginocchio.

La donna acquistava il farmaco che costa 150 euro e si recava presso la struttura della Asl per il trattamento, che era gratuito. La paziente ha sospettato che l’infiltrazione venisse fatta con un altro farmaco che probabilmente non era efficace e ha sporto denuncia ai finanzieri della caserma di via Scoglio del Tonno. Gli investigatori del Nucleo di polizia tributaria, diretti dal maggiore Giuseppe Micelli, hanno voluto vederci chiaro ed hanno pianificato un controllo nello studio del poliambulatorio di via Ancona in cui presta servizio l’ortopedico. Stamattina intorno alle 9 lo specialista dell’azienda sanitaria locale è stato colto in flagranza di reato. Gli investigatori dopo aver accertato che il medico si sarebbe appropriato del farmaco sostituendolo nel trattamento delle infiltrazioni, con altri farmaci la cui natura, come detto, sarà accertata con appositi esami, è stato dichiarato in arresto con l’accusa di peculato e messo a disposizione e del magistrato inquirente. Il medico nelle prossime ore sarà ascoltato dal gip davanti al quale dovrà fornire chiarimenti sulla suo condotta giudicata illegale dagli investigatori delle Fiamme Gialle. Intanto la Finanza sta proseguendo nelle indagini per accertare se abbia riservato lo stesso trattamento ad altri pazienti. L’operazione è stata illustrata nel corso di una conferenza stampa, tenuta dal comandante provinciale colonnello Salvatore Paiano e dal maggiore Giuseppe Micelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche