20 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 20 Ottobre 2020 alle 06:40:48

Cronaca

​Nascondeva una pistola nel ripostiglio: preso​

Un 28enne arrestato dai poliziotti della Mobile al termine di una perquisizione


Aveva nascosto nel ripostiglio di
casa pistola e munizioni.

Al termine di una attività investigativa, avviata dopo alcune
segnalazioni, i poliziotti della Sezione Falchi
della Squadra Mobile hanno arrestato Daniele
Colucci, 28enne già conosciuto dalle forze
dell’ordine. Gli investigatori della questura nei
giorni precedenti l’arresto avevano avuto una
soffiata. “Quell’uomo gira armato in auto”.
Immediatamente sono stati pianificati servizi
di appostamento e pedinamento e nel tardo pomeriggio
di lunedì gli agenti in borghese hanno
seguito Colucci fino a casa.

Dopo un’ora di
appostamento, i poliziotti della Squadra Mobile
hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare.
È stato lo stesso Colucci ad aprire la
porta agli agenti e ad assistere alla operazione
di perquisizione.
Nel momento in cui si era sul punto di controllare
un ripostiglio, vistosi ormai alle strette, l’uomo
ha indicato ai poliziotti una busta di colore
celeste nascosta all’interno di un ombrellone di
colore rosso. All’interno c’era una pistola semiautomatica
calibro 22 di marca “Irvine C.a.
U.S.A.” con 40 colpi inesplosi di cui 4 all’interno
del caricatore. Il 28enne è stato dichiarato in
arresto e condotto nella casa circondariale.
La Polizia di Stato in un’altra operazione ha invece
smascherato un truffatore seriale on line
specializzato nei raggiri sugli affiti delle case
estive. Si faceva versare la caparra sulla Postepay
e poi spariva.

Sono stati gli agenti del Commissariato
di Martina Franca a segnalare all’autorità
giudiziaria un 49enne di Barletta. L’uomo
è già stato denunciato da Polizia e Carabinieri
per reati analoghi. L’attività investigativa è stata
avviata dopo che un 42enne residente a Torino
ha sporto denuncia di truffa presso il Commissariato
della Valle D’Itria ad agosto del 2017.
Ha riferito che pochi giorni prima, su un sito di
annunci molto noto, aveva letto una inserzione
relativa all’affitto di una casa vacanze in località
Torre San Giovanni.

In fase di pianificazione delle proprie vacanze
estive aveva contattato il numero dell’inserzionista
per avere maggiori informazioni e i successivi
contatti, però, erano avvenuti per mezzo
della chat di WhatsApp su un secondo numero
di telefono che il falso inserzionista aveva fornito
alla vittima.
Le parti hanno perfezionato il loro accordo
pattuendo la cifra di 1200 euro, di cui 200 da
corrispondere immediatamente in acconto per
bloccare la prenotazione.
La vittima ha versato tale somma su un numero
di Postepay indicato dal truffatore ma, da quel
momento, non è più riuscito a mettersi in contatto
con quest’ultimo perché l’utenza collegata
a WhatsApp era stata disattivata e sull’altra, nonostante
le numerose chiamate, non rispondeva
più nessuno.

Avendo realizzato di essere stato
truffato, la vittima ha formalizzato la denuncia
presso il Commissariato di Martina Franca che,
a seguito delle indagini, ha identificato l’autore
del raggiro e lo ha segnalato all’autorità giudiziaria.
Le indagini, inoltre, hanno consentito di accertare
che il 49enne barlettano era stato denunciato
più volte da numerosi da Polizia di Stato
e Carabinieri per truffe messe in atto su tutto
il territorio nazionale con lo stesso modus operandi.
“Questo è il periodo di pianificazione delle
vacanze, è utile ricordare a tutti di prestare la
massima attenzione nella ricerca delle case per
evitare le truffe- si legge in una nota della questura-
non a caso, l’Unione nazionale consumatori,
in collaborazione con la Polizia di Stato e con
Subito, ha realizzato la Guida “Compravendita
online dell’usato, che contiene consigli pratici
per gli acquisti sicuri ed un utile vademecum
per riconoscere l’affidabilità degli annunci.

La
guida è scaricabile dal sito wwwconsumatori,it/
guida-compravendita-usato/ e maggiori dettagli
sono disponibili sulla pagina Facebook della
Questura di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche