18 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Aprile 2021 alle 17:24:06

Cronaca

Crac da 90 milioni. Preso un tarantino


TARANTO – Crac di Tributi Italia: è tarantino l’amministratore delegato, arrestato dalla Guardia di Finanza. E’ Giuseppe Saggese, 52 anni, nato nel capoluogo jonico ma ligure d’adozione. Il consulente e numero uno della società è stato fermato dalle Fiamme Gialle di Genova, con l’accusa di peculato da 90 milioni di euro, al termine di una inchiesta che è la madre di quelle sparse in tutta Italia. Con lui nei guai, per lo stesso reato, ci sono altre tre persone.

Il meccanismo è quello che già diverse Procure su tutta la penisola avevano ipotizzato, ma ora viene ancor meglio chiarito da quella di Chiavari: la Tributi Italia, la società dichiarata fallita a Roma e ora in amministrazione straordinaria, avrebbe messo le mani su Ici, Tosap, Tarsu e altre tasse comunali pagate da cittadini di centinaia di città italiane, e per questo, uno alla volta, decine di questi si erano mossi facendo causa all’ex colosso della riscossione. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori delle Fiamme Gialle di Genova, la Tributi Italia Spa operava su oltre quattrocento Comuni in tutta la penisola. Dal 2006 al 2009 si è occupata, su incarico delle amministrazioni, della riscossione delle tasse locali, ma, una volta incassate le somme (al netto di quanto le spettava per l’incarico ricevuto), anziché riversarle nelle casse dei Comuni le avrebbe trattenute sui propri conti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche