Cronaca

Appalti, un regolamento per affidamenti e rotazioni​

La proposta del consigliere comunale Marco Nilo


«Un regolamento
unico per la rotazione degli appalti,
in modo da garantire a tutti gli
operatori che lavorano con l’Amministrazione
comunale pari dignità
ed eque possibilità di accesso agli
affidamenti di importo piccolo e
grande».

È l’obiettivo perseguito dal consigliere
comunale d’opposizione
Marco Nilo, presidente della Commissione
di Garanzia e Controllo,
e dal consigliere Francesco Nevoli,
che ha portato alla luce inizialmente
la questione.

«Noi, come opposizione
– spiega Nilo – svolgiamo un
ruolo propulsivo, di segnalazione
e sollecitazione. La nostra azione
è finalizzata a ricercare e proporre
soluzioni esclusivamente nell’interesse
dei tarantini. La commissione
di Garanzia e Controllo, da me presieduta,
cerca di interpretare questo
ruolo con spirito di servizio e senza
alcun pregiudizio, e di questo devo
ringraziare i tutti i colleghi consiglieri
per l’impegno profuso».
L’argomento appalti è diventato
prepotentemente d’attualità nel
corso degli ultimi giorni.
Nella seduta della Commissione di martedì scorso, si era rilevata
l’assenza di un unico regolamento
valido per tutte le direzioni comunali,
che vada a disciplinare i
criteri da applicare per la rotazione
degli inviti e degli affidamenti, così
come suggerito dalle linee guida
n.4 dell’Anac, l’Autorità Nazionale
Anticorruzione.

«Non si può che essere soddisfatti
– aggiunge Nilo – se a seguito della
audizione del Direttore Generale
Ciro Imperio, il Segretario Generale
Eugenio De Carlo “motu
proprio”, ha immediatamente proceduto
a redigere una proposta di
detto regolamento trasmesso per le
successive approvazioni. La eventuale
definitiva approvazione del regolamento
garantirà una uniformità
di azione tra le diverse direzioni
comunali, la trasparenza e la par
condicio tra le ditte con evidenti
benefici per la economia locale».
«La pronta risposta del Segre-tario
Generale, che sarà ascol-tato in
Commissione per l’appro-fondimento
della tematica – conclude
il consigliere comunale – è un
ottimo esempio di come possa e
debba esserci sempre una continua
sinergia tra la Commissione di
Garanzia e Controllo e l’apparato
dirigenziale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche