Cronaca

​Rotary, Andrea Tortora è il nuovo presidente​

Serata del cambio di consegne alla direzione del club tarantino


Un ringraziamento a tutti i soci che hanno votato
la sua candidatura a presidente e un invito a verificare alla fine
del mandato, fra dodici mesi, alla scadenza dell’anno sociale che
vedrà la realizzazione delle attività proposte, la validità della
sua conduzione. Senza discorsi programmatici e in un clima di
semplicità e amicizia è iniziata la guida del dott. Andrea Tortora,
il nuovo presidente del Rotary di Taranto, che nella serata del
cambio di consegne alla direzione del club tarantino ha ricevuto
l’investitura dal suo predecessore, il presidente uscente dott. Girolamo
Catapano Minotti.

«Fra un anno faremo il sunto di ciò che
abbiamo realizzato, per vedere i risultati di questa gestione – ha
infatti dichiarato il neopresidente appena ricevuto il collare della
presidenza con le targhette e i nomi di chi ha guidato il club dalla
sua fondazione, la campana e il martelletto simbolo della presidenza
– voglio invece dire in pochissime parole quello che per
me dovrebbe essere questo club, un insieme di persone che prima
di tutto si stimano dal punto di vista professionale e personale e
che quindi gradiscono stare insieme, ritrovarsi per parlare di cose
serie, di argomenti importanti, ma a cui piace anche semplicemente
stare insieme, un gruppo di amici più che soci, che abbia
anche voglia di fare qualcosa per gli altri, secondo quella che è
la missione del club».

E in questa direzione ha dichiarato Tortora
di voler indirizzare l’operato della sua gestione, coinvolgendo da
subito tutti i soci che lo vorranno, attraverso uno schedario che il
prefetto eletto, l’ing. Gianfranco Tonti, ha già preparato e che sarà
somministrato a cadenza periodica agli stessi soci, i quali potranno
in questo modo segnalare il gradimento o l’eventuale contrarietà
alle iniziative proposte e per capire dove il club si indirizza.Per
fare ciò il presidente Tortora si avvarrà di una squadra di collaboratori
e amici che comporranno il suo Consiglio Direttivo che
ha presentato ai soci e agli ospiti intervenuti alla serata: Monica
Lapenna, unica donna del direttivo, sarà la prossima presidente,
Girolamo Catapano in quanto past president, Alessandro Fattori
vice presidente, Piero Relleva, Emanuele Di Palma, Renato Frascolla
e Augusto Giusti consiglieri, Paolo Solito istruttore del Club,
Massimo Urselli segretario, Attilio Cavallo tesoriere, Gianfranco
Tonti prefetto.

Prima della cerimonia di passaggio, il dott. Girolamo Catapano
Minotti che ha retto il Rotary nell’appena trascorso anno sociale,
ha ricordato, anch’egli in maniera sobria ed estremamente sintetica
le attività svolte nel corso del suo anno di presidenza: «E’ passato
molto velocemente – ha detto – un anno che probabilmente sarà
ricordato in futuro perché ha visto l’organizzazione a Taranto di
una delle conferenze mondiali del Rotary alla presenza del presidente
internazionale, Ian Ramsey, australiano di Melbourne, che
ha scelto la nostra città per parlare a livello planetario di tutela della
madre e del minore migranti. Un’occasione unica che ha permesso
di accendere i riflettori sulla nostra comunità quasi sempre agli
onori della cronaca per problematiche ambientali ed emergenze
sociali e criminali». Insieme con il presidente internazionale ad
aprile sono stati a Taranto più di mille soci Rotary provenienti da
tutti i continenti, un evento che a giusta ragione può essere definito
storico per i risvolti turistici, culturali, sociali che ha generato.

Ma
anche Catapano ha voluto tenere un tono basso, semplice per il suo
consuntivo, nella convinzione che certe tendenze autoreferenziali,
piene di retorica, costituiscano una formidabile barriera per la
diffusione e la comprensione del significato di un club service sul
territorio.Ha quindi brevemente ricordato alcune delle iniziative
con le quali ha voluto stimolare l’interesse e la curiosità dei soci
e degli amici che hanno frequentato il Club attraverso una serie
di serate di argomento sempre attuale con relatori ogni volta
di altissimo livello e competenza: la serata organizzata con il
tribunale dei minori una delle prime occasioni in cui si è trattato
l’argomento dell’immigrazione, in particolare dei minori non
accompagnati, e che poi ha dato vita ad un service molto bello
che si è concluso recentemente; poi con l’ing. Corrado Carrubba,
uno dei commissari dell’Ilva, che ha offerto un punto di vista
della situazione gestionale del colosso sifìderurgico; e ancora la
serata dedicata alla crisi nord coreana con il prof. Fiori, profondo
conoscitore di quella realtà; la serata sul bullismo con la prof.ssa
Annalisa Civita, quella sul libro di Alberto Matano, giornalista
del Tg1, sulle vite segnate dall’ingiustizia di una detenzione non
dovuta; la serata criptica sul Bitcoin, fino alle serate di musica dal
vivo con il gruppo del socio Angelo Imperatrice.

Manifestazioni
attraverso le quali è stato possibile dar vita a due service, due forme
di aiuto e sostegno sociale ed economico, uno in favore dei minori
che frequentano gli stage nelle industrie tarantine, la qualcosa ha
anche una ricaduta evidentemente pratica perché avvicina questi
ragazzi al mondo del lavoro, grazie anche alla collaborazione e
alla determinazione della dottoressa Bina Santella, presidente
del Tribunale dei Minori di Taranto, e della dottoressa Antonella
Montanaro, procuratore della Repubblica presso il Tribunale dei
Minori; e uno sulla realtà virtuale organizzata con uno studio di
Roma, grazie al quale i ragazzi del reparto ematologico tarantino
diretto dal dott. Patrizio Mazza potranno viaggiare virtualmente
con visione tridimensionale sui catamarani della Jonian Dolphin
a vedere i delfini con il personale del proprio reparto, un sistema
importato dagli Stati Uniti che permette l’ambientazione e una
maggiore accettazione della malattia da parte di questi ragazzi. E
poi ancora l’erogazione di due borse di studio al convegno internazionale della Magna Grecia e il restaurato di
tele pittoriche appartenenti a palazzo Carducci.

Insomma un anno ricco da tutti i punti di vista,
un anno che ha interpretato e rappresentato al
meglio i principi rotariani. Infine ringraziamenti
agli amici soci del consiglio direttivo
uscente e a quanti, soci e non soci, sono stati
al fianco del presidente: dalla vice presidente
Monica Lapenna, a Renato Frascolla istruttore
e punto di forza del club, ai consigleri Emanuele
Di Palma, Giuseppe Scarlino, Emma Basile
e Piero Relleva, al tesoriere Ninni Tacente,
al segretario Paolo Solito, al prefetto Donato
Serafini Ripa, Andrea Tortora presidente incoming
e Massimo Basile past president, Luigi
Perrone neo Assistente del Governatore, e poi
al segretario esecutivo Roberto Di Corrado,
braccio operativo e memoria del Rotary. Un
ringraziamento sentito anche alla stampa che
ha seguito da vicino con assiduità le tante
manifestazioni e al fotografo Beniamino Ingenito,
al comandante di Marina Fabio Danese,
presidente del circolo ufficiali, all’ammiraglio
Salvatore Vitiello, comandante del Comando
Marittimo Sud.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche