Cronaca

Polizia Locale, battaglia sull’orario notturno

Fp Cgil, Uil Fpl e rsu chiedono un incontro urgente per tentare di sbloccare l’impasse


«Continuiamo ad essere sconcertati
dagli eventi singolari ed incredibili che si susseguono
al Comando di Polizia locale, a firma del dirigente».

Esordiscono così i rappresentanti sindacali Marra
(Fp Cgil), Capobianco (Uil Fpl) e Catucci (rsu) in
riferimento al prolungamento dell’orario notturno dei
vigili urbani. «Dopo aver più volte evidenziato che il
prolungamento dell’orario notturno non è possibile per
i già citati motivi e manifestati anche nella delegazione
trattante dello scorso 14 marzo, abbiamo dovuto registrare
– spiegano i sindacati – che il dirigente, dopo aver
avuto una risposta negativa anche dai rappresentanti di
“parte pubblica” in seno alla delegazione trattante con
fare stizzito, irritato e dispotico abbandonò la riunione
dichiarando che l’attivazione dell’orario notturno era
una disposizione del sindaco Rinaldo Melucci e che
per quanto riguardava le maggiori risorse finanziarie,
alle lavoratrici ed ai lavoratori, ne dovevano rispondere
i rappresentanti di “parte pubblica”.

Verificato che nei giorni precedenti la Santa Pasqua il dirigente della Polizia
locale ha effettuato quanto dal sindaco ordinato, è
cioè il prolungamento dell’orario notturno in violazione
a qualsivoglia norma contrattuale vigente o regolamento
in essere, con grave danno nei confronti dei rappresentanti
di “parte pubblica” dottoressa Antonella Fornari
e dott. Antonio Lacatena, e arrivati a queste azioni di
obbedienza da parte del dirigente Polizia locale, nei
confronti del sindaco Rinaldo Melucci, lo stesso si
assumesse tutte le responsabilità del caso, è cioè che:
“le retribuzioni riferite al prolungamento dell’orario
notturno, in favore delle lavoratrici e dei lavoratori, siano
a totale carico del dirigente che non ha rispettato quanto
verbalizzato e sottoscritto nella delegazione trattante del
14 marzo 2018”. Infine – concludono Fp Cgil, Uil Fpl e
rsu – si chiede ancora una volta un incontro, allargato a
tutte le organizzazioni sindacali, aventi diritto, e la rsu
per tentare di sbloccare queste problematiche in seno
al Comando di Polizia locale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche