Cronaca

​Scatta il piano sicurezza per la Settimana Santa​

Le misure adottate dal Comitato provinciale riunito dal prefetto


Le misure di sicurezza per
i riti della Settimana Santa e per il ponte
pasquale all’esame del Comitato Provinciale
per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica,
riunito dal prefetto Donato Cafagna,
con l’intervento dei vertici provinciali
delle forze di polizia, del Comune e della
Provincia di Taranto.

L’incontro, che fa seguito alla riunione
del 13 marzo scorso, allargata alla partecipazione
dei Vigili del Fuoco, della
Polizia stradale, della Curia di Taranto
e dell’Amat, si è sviluppato sugli aspetti
connessi all’attuale stato della sicurezza
pubblica in provincia, con uno sguardo
proiettato verso le imminenti festività
pasquali.

«E’ stato definito in un quadro di massima
attenzione ed integrazione delle
risorse – spiegano dalla prefettura di Taranto
– il potenziamento dei servizi tesi
a far fronte a tutti gli aspetti di prevenzione,
da quelli di sicurezza pubblica a
quelli inerenti la protezione civile e la
sicurezza stradale, mediante l’attuazione
di mirate misure di controllo e vigilanza
nei punti di ritrovo ave è previsto un elevato
afflusso di persone, come luoghi di
culto, vie del centro cittadino interessate
dallo svolgimento dei riti, pubblici esercizi,
locali di pubblico spettacolo; specifici
servizi anticriminalità, soprattutto
predatoria, in relazione alla maggiore
circolazione di beni e denaro nel periodo
festivo; iniziative mirate in materia di
contrasto all’abusivismo commerciale e
alla contraffazione, nonché all’attività
di parcheggiatore abusivo; un piano
coordinato dei dispositivi di sicurezza
stradale, in un’ottica di integrazione con
il piano regionale del Compartimento
Polstrada Puglia, per contrastare, specie
nel lunedì di Pasquetta, l’eccesso di velocità,
il mancato uso delle cinture e dei
caschi, la guida in stato di ebbrezza».

In modo particolare, per i Riti della Settimana
Santa di Taranto che coinvolgono,
nelle giornate di giovedì, venerdì
e sabato, diverse decine di migliaia di
fedeli e turisti, sono state disposte «specifiche
misure consistenti nell’interdizione
del traffico veicolare – a mezzo di
new jersey – in un’area di rispetto intorno
alle vie attraversate dalla processione
dei misteri, nonché nel divieto di transito,
nell’intero Capoluogo, degli autocarri
con portata superiore ai 35 quintali
dalle ore 15 di venerdì 30 marzo e fino
alle ore 11 di sabato 31 marzo. In concomitanza
con la processione dell’Addolorata,
nella notte di giovedì santo, sarà
inibita la circolazione degli autoveicoli
privati nella Città vecchia, mentre saranno
incrementati i trasporti pubblici
locali».

«Inoltre, è stato disposto il divieto di
vendita presso gli esercizi pubblici di
bevande da asporto in contenitori di vetro».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche