20 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 19 Ottobre 2020 alle 16:52:58

Cronaca

​Dipendenti comunali, le richieste dello Snalv Confsal​

Nuovo capitolo della vertenza


Lo Snalv-Confsal comunica
che il 13 giugno si sono tenuti due
incontri cruciali per lo status contrattuale
dei lavoratori del Comune di Taranto: la
delegazione trattante, cui ha presenziato
la rsu Snalv Rosa Marilli, e un incontro
informativo con il direttore generale da
parte della segreteria provinciale Snalv Enti
locali rappresentata, oltre che dalla sua rsu,
dal segretario provinciale Salvatore Mattia
e dal coordinatore del gruppo
aziendale Snalv-Confsal Mauro Gaballo,
sintetizzabili in tre effettive novità: corresponsione
degli arretrati/aumenti del nuovo
contratto collettivo nazionale del lavoro nel
mese corrente; avvio della trattativa per il
Nuovo Contratto Decentrato Integrativo
aziendale; aperture per la questione legata
ai fondi “congelati” a seguito dai rilievi
del Mef.

Lo Snalv ha espresso «piena soddisfazione
per l’erogazione nella busta paga
di giugno degli arretrati e degli aumenti
contrattuali e per l’avvio della trattativa
sul Decentrato, su cui dovrà svolgersi un
concludente confronto con tempi celeri ed
utili per l’incremento di indennità e progressioni
per tutte le categorie ed i profili
professionali presenti nell’Ente. Circa la
spinosa questione dei fondi “congelati” va
preso atto del concreto impegno politico e
tecnico del sindaco e del direttore generale
nel ritagliare, fra le strette maglie del “nodo
Mef”, spazi di autonomia decisionale per
il Comune, inteso al possibile sblocco in
favore dei lavoratori dell’Ente».
Lo Snalv, verificato «l’intento condiviso di
viaggiare nella direzione utile a valorizzare
le risorse umane dell’Ente, confida a che
l’impegno per risolvere la problematica,
di cui si è fatto carico l’attuale Amministrazione,
si converta in atti conclusivi
e concludenti in tempi brevi, affinché i
lavoratori possano essere correttamente
informati e verificare tangibilmente, così
come potranno fare nella busta paga di
giugno, i dovuti riconoscimenti all’impegno
lavorativo profuso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche