Cronaca

Un vertice per fare il punto su Aia e nuove Province


TARANTO – Un vertice per compattare la maggioranza. I consiglieri si sono dati appuntamento alle 9.30 di stamattina, negli uffici comunali di via Plinio. C’era, ovviamente, il sindaco Stefàno, desideroso di chiarire, con i “suoi” consiglieri, le linee guida dell’Amministrazione comunale. Si è parlato di ambiente. Al centro del dibattito le prescrizioni per il rilascio della nuova Aia all’Ilva. L’attenzione del sindaco si è soffermata anche sul riordino delle Province. In questo caso, l’intento comune, è quello di spingere affinché Taranto resti capoluogo. Al momento di andare in stampa i partecipanti al tavolo, convocato non a caso dopo l’approvazione del bilancio di previsione, non avevano ancora affrontato il discorso relativo alle nomine degli assessori. Per le tre caselle mancanti, utili a completare la Giunta, sembra comunque esserci una intesa di massima.

I nomi ci sono, ormai da tempo, ma allo stato attuale mancano ancora i decreti di nomina firmati dal primo cittadino. Nell’Esecutivo ci sarà Gionatan Scasciamacchia degli Sds. Al suo posto in Consiglio si rivedrà Gina Lupo, ex presidente della massima assise municipale. La delega ai Lavori Pubblici andrà al Partito democratico. Già pronto Lucio Lonoce. In Consiglio ci sarà Mimmo Cotugno, dell’area Vico. Per la terza delega (probabilmente Attività Produttive e Turismo) i giochi sembrano ormai fatti. Dovrebbe essere Cosimo Gigante l’assessore in quota La Puglia per Vendola. Il primo dei non eletti, Andrea Lazzaro, prenderà posto in Consiglio. Ma molto presto, sulla scrivania di Stefàno, approderà anche l’eventuale rinnovo delle deleghe dell’assessore al Centro Storico Antonella Carella e dell’assessore al Patrimonio Barbara Scozzi. Il loro incarico scadrà a gennaio, visto che il sindaco ha affidato alle due professioniste la delega a tempo determinato per sei mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche