30 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Ottobre 2020 alle 09:13:06

Cronaca

Battesimo del nipote senza fuochi d’artificio. Sono stati sequestrati


SONY DSC

TARANTO – Aveva comprato sessanta chili di fuochi d’artificio per festeggiare il battesimo di un nipotino. C’era solo un problema: quei giochi pirotecnici era illegali. E, infatti, sono stati sequestrati dai carabinieri mentre li trasportava in auto. Nella serata di ieri i militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia hanno denunciato a piede libero per detenzione e trasporto non autorizzato di materiale esplodente, G.M., 37enne già noto alle forze dell’ordine. I carabinieri, durante un posto di controllo alla Salinella, hanno fermato l’autovettura condotta dall’uomo e notando quest’ultimo in atteggiamento sospetto, hanno deciso di eseguire una perquisizione.

Nel bagagliaio della vettura trasportava sei batterie di fuochi d’artificio di IV categoria, di fabbricazione cinese, per un peso di oltre mezzo quintale ed una massa attiva di polvere da sparo tale da poter costituire pericolo per l’incolumità pubblica. Il materiale esplodente, sottoposto a sequestro e consegnato agli artificieri del Comando Provinciale, era costituito da una batteria di fuochi d’artificio completa, già da sola idonea ad “animare” una festa rionale. Il veicolo è stato sottoposto a sequestro anche perchè era senza copertura assicurativa. Dagli accertamenti eseguiti dai carabinieri il materiale esplodente probabilmente sarebbe stato utilizzato per i festeggiamenti in occasione del battesimo del nipote del 37enne, con il rischio che manipolato da persone non abilitate, avrebbe potuto costituire serio pericolo per i partecipanti alla cerimonia. La normativa sul commercio, trasporto e detenzione di fuochi d’artificio genere è molto precisa e severa: impone innanzitutto l’autorizzazione di Pubblica Sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche