Cronaca

​Telecamere contro la microcriminalità​

Ecco il progetto candidato dal Comune


Un nuovo sistema di
videosorveglianza per abbattere
drasticamente il numero di episodi
collegati alla microcriminalità.
è questo l’obiettivo principale del
progetto candidato dal Comune di
Taranto al finanziamento nell’ambito
del Decreto del Ministero
dell’Interno.

La misura, varata lo
scorso 31 gennaio, ha proprio lo
scopo di ampliare l’attività di prevenzione
e contrasto dei fenomeni
di criminalità diffusa e predatoria.
In questo senso, l’Amministrazione
comunale ha presentato un progetto
che prevede la realizzazione
di 9 “aree di ripresa” dislocate sul
territorio comunale, in particolare
in corrispondenza delle strade di
accesso, dove sono previsti oltre
che alle “telecamere di contesto”
anche dispositivi per la lettura
targhe, e nei punti sensibili del
comune. Nelle scorse settimane,
la Giunta comunale ha approvato
il progetto di fattibilità tecnicoeconomica.
«Il sistema fa capo ad
una moderna centrale di ripresa
attivata presso il Comando della
Polizia locale, dotata di sistema di
analisi video e registrazione delle
immagini – si legge nel progetto.
Il sistema avrà funzioni avanzate
di ricerca e di analisi di contesti
(ad esempio, ricerca automezzo,
di un volto, di una targa) in modo
da agevolare le attività di indagini
basate su analisi video.

La video
analisi potrà, inoltre, predisporre delle situazioni di allarme in caso
di rilevamento di contesti definiti
a rischio sulle aree oggetto di osservazione».
Le postazioni saranno
connesse alla centrale con «una
rete di connettività mista in radio
e fibra ottica e saranno adottate telecamere
moderne con pre-analisi
delle riprese video che consentono
la ottimizzazione della banda trasmissiva
in modo da avere immagini
alla massima risoluzione consentita».
Ecco le nove “postazioni di sorveglianza”
individuate per «le
particolari problematiche attinenti
l’ordine pubblico»: Varco Santa
Croce, Varco Punta Penna; Stazione
Ferroviaria; Stazione dei
Bus; piazza Garibaldi; piazza della
Vittoria; Rotonda del Lungomare;
piazza Immacolata; stadio Iacovone.
Per la realizzazione dell’intero
sistema di videosorveglianza, il
Comune di Taranto ha richiesto al
Ministero dell’Interno un finanziamento
di oltre 516mila euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche