Cronaca

L’acciaio Ilva per il nuovo Ponte Morandi

L’annuncio del presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Progetto di Renzo Piano


Sarà l’acciaio dell’Ilva a essere utilizzato
per la costruzione del nuovo ponte sul Polcevera,
a Genova.
L’annuncio lo ha dato il presidente della Regione Liguria,
Giovanni Toti, nella conferenza di presentazione
del progetto di costruzione.
L’opera, firmata da Renzo Piano, dovrebbe essere realizzata
entro ottobre 2019.

A costruire il ponte dovrebbe essere un consorzio di
imprese guidato da Fincantiere ma del quale dovrebbe
far parte anche Autostrade, il cui amministratore
delegato Castellucci ha partecipato alla conferenza.

«Il nuovo ponte dovrà durare mille anni», ha annunciato
l’archistar Renzo Piano.
E l’acciaio dunque sarà quello della nuova Ilva di
Arcelor Mittal, prodotto negli stabilimenti di Taranto
e Genova.
Intanto, l’infuocato dibattitto sulla definizione della
vertenza con il passaggio del colosso siderurgico ad
Arcelor Mittal fa registrare l’apertura di un filone
sulla cossidetta legge speciale per Taranto della quale
ha parlato il ministro Luigi Di Maio. Francesco Bardinella,
segretario generale della Fillea Cgil, ricorda
infatti al ministro che «una legge speciale per il rilancio
di Taranto esiste già, con interventi definiti e risorse
stanziate».
«Basta continuare ad applicarla – dice Bardinella –
ripristinando le convocazioni del Tavolo territoriale
interrotte da quando è in carica il governo Lega-M5S».

Una legge speciale per Taranto, peraltro, è stata approvata
anche dalla Regione Puglia e per questo il suo
promotore, il consigliere Gianni Liviano, ha scritto a
Di Maio proprio per ricordargli di quetso ulteriore e
già esistente strumento legislativo. Liviano chiede un incontro al ministro «per illustrare i contenuti della
legge regionale speciale per Taranto approvata dal
Consiglio regionale lo scorso 16 gennaio. Lo scopo è
quello di far conoscere al governo giallo-verde l’esistenza di un provvedimento innovativo che potrebbe
costituire un punto di partenza qualora la compagine
governativa decidesse di adottare, per le proprie competenze,
provvedimenti similari».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche