29 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 29 Ottobre 2020 alle 06:35:20

Cronaca

​L’impegno per la città: presidio del territorio​

Il nuovo comandante col. Luca Steffensen


Un incarico profetico.
La profezia il colonnello Luca Steffensen
l’aveva ricevuta a gennaio,
a Roma: «Avevo appena appreso
di essere destinato ad un comando
provinciale, ma non sapevo ancora
quale. Di ritorno a casa, in motorino,
vidi un cartellone pubblicitario
del museo di Taranto dove c’era
scritto “MarTa ti aspetta”. Dissi a
mia moglie: “Vuoi vedere che mi
mandano a Taranto?».

La profezia si
è avverata. Luca Steffensen è il nuovo
Comandante provinciale dell’Arma
dei Carabinieri.
57 anni, romano, laureato in ingegneria,
ha una carriera densa di incarichi
di rilievo. Ha guidato il Reparto Sicurezza
e Vigilanza dei Carabinieri
del Ministero degli Esteri, con la
responsabilità quindi di garantire la
sicurezza di tutte le rappresentanze
diplomatiche italiane nel mondo. Poi
è stato Aiutante di Campo del Vice
Comandante dell’Arma, generale
Clemente Gasparri. Prima di essere
destinato a Taranto è stato alla Camera
dei Deputati per curare la sicurezza
dei parlamentari e di tutte le sedi
che ospitano le attività parlamentari.
Non è nuovo alla Puglia. Anni fa ha
prestato servizio nella difficile realtà
di Cerignola, «dove oltre ad aver fatto
arrestare tante persone ho anche
conosciuto mia moglie».

«Arrivo a Taranto – ha detto il nuovo
comandante nell’incontro che ha
tenuto stamattina per presentarsi
alla stampa – in un momento molto
delicato a causa della questione Ilva.
Poteva scatenarsi un temporale, invece
ho visto il cielo sereno».
Il colonnello Steffensen ha già incontrato
le autorità istituzionali della
città. «Non ero mai stato a Taranto, e in questi primi giorni ho già potuto
ammirare una città bellissima
e sono sicuro che, dal punto di
vista lavorativo, non mi annoierò».
Molto attento alla percezione di
sicurezza da parte dei cittadini, il
comandante ha assunto un impegno:
Saremo presenti sul territorio
il più possibile».

Enzo Ferrari
Direttore responsabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche