Cronaca

​Vendeva hashish nella sua auto

Pedinato e bloccato dagli agenti della Squadra Mobile


Spacciava droga nella sua macchina: arrestato dalla Polizia di Stato.

Lunedì pomeriggio gli agenti della sezione “Falchi” della Squadra Mobile hanno proceduto ad una perquisizione in casa di Giuseppe Romanazzi, tarantino di quarantaquattro anni residente nel quartiere Paolo VI, in quanto sospettato di spacciare sostanza stupefacente.

L’uomo, infatti, da qualche giorno era stato notato in una frenetica attività durante la quale, in maniera frequente, a bordo della sua Renault Scenic, raggiungeva la via in cui abita per poi, dopo brevi soste, ripartire a gran velocità.

Durante la perquisizione domiciliare, alla presenza del sospettato, i poliziotti hanno rinvenuto sotto il lavandino della cucina quattro panetti di hashish per un peso di circa 400 grammi.

Inoltre, all’interno di un mobile del soggiorno, i “falchi” hanno rinvenuto tre “steli” di marijuana già essiccati
e la somma di 120 euro divisa in banconote da
20 euro, soldi ritenuti probabile provento dell’attività
illecita.
Al termine dell’operazione il quarantaquattrenne è
stato dichiaratro in arresto e messo a disposizione
dell’autorità giudiziaria.
Nelle ore precedenti sempre gli agenti in borghese della
questura avevano arrestato un venticinquenne della
Città Vecchia che nel vano del contatore nascondeva
droga e soldi.

Gli investigatori della Squadra mobile dopo aver avuto
notizia riguardo ad un’attività di spaccio di stupefacenti
avviata in una via della Città Vecchia, ad opera di un
pusher chiamato “Paperino” si erano messi sulle sue
tracce scoprendo la sua vera identità.
Durante diversi servizi di appostamento avevano
scoperto come il giovane, a qualsiasi ora, si aggirasse
per strada nei pressi della sua abitazione venendo
avvicinato da persone note alle forze dell’ordine come
tossicodipendenti.
Durante l’operazione eseguita dagli agenti della
sezione “Falchi” ernao stati sequestrati 26 dosi di
cocaina e denaro ritenuto provento dell’attività illecita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche