Cronaca

​Furto di elettricità, nel mirino due ristoranti e un bar​

I controlli della Polizia nella Città Vecchia


Furti di energia elettrica,
proseguono i controlli negli
esercizi commerciali.

Gli agenti del Commissariato Borgo
con il supporto dei loro colleghi
del XV Reparto Mobile di Taranto,
della Polizia Locale e dei tecnici di
E-distribuzione hanno effettuatouna serie di controlli volti soprattutto
al contrasto del fenomeno dei
furti di energia elettrica in Città
Vecchia.
Tra i numerosi esercizi commerciali
e ristoranti controllati in tre sono
emerse irregolarità.
La Polizia di Stato ha scoperto che
un ristorante situato a ridosso di via
Cava aveva da tempo avviato l’attività
pur essendo privo di regolare
contatore elettrico.
Nel frangente i tecnici Enel hanno
scoperto all’interno di un tombino
un allaccio abusivo di cavi elettrici,
mentre nella parte anteriore
del ristorante, situato sulla strada
c’era un armadio elettrico nel quale
i collegamenti erano stati creati
utilizzando il manico di alcune
forchette in acciaio.
In via Garibaldi altri due esercizi
commerciali, un bar ed un ristorante,
pur avendo il contatore erano
muniti di allaccio diretto alla rete
elettrica.
Le verifiche sono poi continuate,
con la collaborazione dei Vigili Urbani,
anche nei confronti di alcuni
venditori ambulanti del tutto privi
di licenza che comunque occupavano
il suolo pubblico.

Sono stati sequestrati circa cento
chilogrammi di frutta con relativa
sanzione amministrativa comminata
al gestore della rivendita abusiva.
Infine anche in via Pisanelli è stato
scoperto, al quinto piano di uno stabile,
un appartamento alimentato
da un ennesimo allaccio abusivo
di energia elettrica.
Tutti i titolari degli esercizi commerciali
interessati e dell’appartamento
sono stati denunciati in
stato di libertà per furto di energia
elettrica.
L’ammontare del danno causato al
gestore delle forniture elettriche è
stato quantificato in circa 250.000
euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche