Cronaca

​Regionale 8, chiesto un incontro al prefetto​

L’iniziativa di quattro organizzazioni provinciali


Le organizzazioni provinciali di
Casartigiani, Cia, Coldiretti e Confcommercio
scrivono al prefetto, Donato Cafagna, per
sollecitare un incontro per la ripresa dell’iter
amministrativo inerente il progetto della strada
litoranea interna Regionale 8, la cosiddetta
“Taranto – Avetrana”.

Nella lettera, inviata per conoscenza al presidente
della Regione, Michele Emiliano, all’assessore
regionale ai Trasporti, Giovanni Giannini, al
presidente della Provincia, Martino Tamburano
e ai sindaci dell’arco orientale della provincia,
si evidenzia che «dalla documentazione fornita
dalla Regione si è appreso che l’opera dovrà
essere appaltata dalla Provincia di Taranto entro
il 31 dicembre 2019; la Delibera Cipe n.26 del
2016 ha previsto la data indicata quale termine
ultimo per l’assunzione delle obbligazioni
giuridicamente vincolanti, pena la revoca
delle risorse.

Nei giorni scorsi – evidenziano
le associazioni – il presidente della Provincia,
Tamburano, a seguito delle dichiarazioni da noi rilasciate in conferenza stampa, è intervenuto
con una propria nota di chiarimento, non
attribuendo alla Provincia i ritardi del
procedimento tecnico – amministrativo. A tal
fine è bene precisare che sono dieci mesi che
il progetto preliminare non viene trasmesso
ai Comuni interessati, passaggio necessario
per accelerare il procedimento per il quale
la Regione chiede il crono programma che
confermi la scadenza del 2019. La direttrice
viaria litoranea interna “Regionale 8” – ricordano
Casartigiani, Cia, Coldiretti e Confcommercio
– rappresenta un’opera di primaria importanza
per lo sviluppo dell’economia del versante
orientale della provincia ed in particolare per
l’economia legata all’agricoltura e al turismo.
Il progetto ha ormai al suo attivo una storia
più che trentennale (è stato approvato dalla
Provincia nel luglio del 1988) ed è l’emblema
della incapacità di un territorio di portare a
compimento un progetto reale e concreto, per
di più già finanziato».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche