Cronaca

Tenta di cancellare la matricola di un fucile rubato, arrestato

Risponde del reato di detenzione abusiva di armi, di ricettazione e di tentata abrasione della matricola


Ha nascosto un fucile
e ha tentato di cancellare la matricola:
arrestato dalla Polizia di Stato.

Nella giornata di mercoledì, gli
agenti della Squadra Volante del
Commissariato di Grottaglie ha
arrestato il trentasettenne Francesco
Grippa, grottagliese già noto alle
forze dell’ordine. Risponde del reato
di detenzione abusiva di armi, di
ricettazione e di tentata abrasione
della matricola.
Durante i consueti servizi di controllo
del territorio, l’equipaggio della
Volante ha proceduto al controllo
di un’autofficina gestita da Grippa e
ubicata a Grottaglie.
Vista la sua crescente agitazione del
titolare, i poliziotti hanno deciso
di perquisire il locale, la vettura di
sua proprietà e le auto che in quel
momento erano in riparazione e
che, quindi , erano nella sua piena
disponibilità.
Nonostante l’esito negativo delle
perquisizioni, l’agitazione del 37enne
non accennava a diminuire.
Insospettiti da tanta ansia i poliziotti
hanno deciso di estendere la
perquisizione anche all’abitazione
dell’uomo, dove è stato rinvenuto un
fucile semiautomatico, calibro 12,
marca Benelli, detenuto illegalmente
e la cui matricola era stata limata in
maniera approssimativa.

I polizotti, infatti, con l’ausilio di
una lente di ingrandimento con luce
led, sono riusciti ad identificare la
matricola dell’arma.
Il furto del fucile era stato denunciato
nel mese di agosto del 2016 da un
altro grottagliese.
Avendo Grippa affermato di aver
acquistato l’arma lo scorso anno da
un persona che non coinosce è stato
ritenuto responsabile del reato di
ricettazione.
Al termine delle formalità di rito, il
fucile è stato posto sotto sequestro
mentre il trentasettenne grottagliese
dichiarato in arresto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche