19 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 19 Settembre 2021 alle 22:57:00

Cronaca

​Mercato ittico e punto di sbarco, si studiano le soluzioni​

Confronto tra Comune e Commissario bonifiche


Procedono le attività dedicate
al rilancio della miticoltura ed itticoltura
tarantina, frutto del tavolo tecnico che vede
coinvolti Prefettura, Comune di Taranto e
Commissario alle bonifiche.

Nelle scorse settimane sono stati affrontati
i temi relativi al risollevamento e alla
regolamentazione del mercato ittico della città
di Taranto, tra la Commissione di Bonifica, il
vicesindaco Valentina Tilgher e rappresentanti
della categoria produttiva.
«In questo meeting si sono adoperati per
la verifica dei requisiti per la progettazione
del punto di sbarco in via delle Fornaci
mentre contestualmente, all’interno del
Piano delle Coste, si sta studiando una più
sistematica distribuzione dei punti di sbarco ed
i collegamenti fra di essi.

Dopo la rimozione
della piattaforma galleggiante e dopo la
riqualificazione dell’intera area, è risoluta
intenzione dell’Amministrazione comunale e
del Commissariato di Bonifica – spiegano da
Palazzo di Città – la progettazione di tali strutture
per debellare qualsiasi attività che non rientri
nel pieno della legalità. Come da programma,
tale area sarà dotata di infrastruttura al fine
di consentire la tracciabilità, la trasparenza
e la trasformazione dei mitili in loco con
etichettatura di provenienza del prodotto».

«L’obiettivo dell’operazione – afferma il
vicesindaco Tilgher – è di sviluppare e di
rendere competitiva la produzione tipica del
territorio tarantino, consentendo di affacciarsi su mercati di più ampia formazione, creando
un comparto in grado di consentire lo sviluppo
e il sostentamento delle aziende del settore».
«La forte volontà – interviene il sindaco
Rinaldo Melucci – è quella di eliminare
gli alibi che alimentano quei soggetti che
operano nell’illegalità. Vogliamo avviare
un approfondito controllo delle attività e la
soppressione dell’abusivismo, godendo del
supporto delle istituzioni preposte».
«Il Commissario per le bonifiche – conclude il
Comune – si è preso carico della progettazione
del punto di sbarco, fino al completamento di
un progetto definitivo».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche