Cronaca

​Incendio in Spagna, Mittal risponde a Peacelink​

La replica della società acquirente dell’Ilva


“Sebbene l’inchiesta
sia ancora in corso, le conclusioni
preliminari suggeriscono che la causa
dell’incendio sia stata l’eccessiva
frizione tra un rullo e il nastro
trasportatore che trasporta il carbone
nella torre di carbone numero 1 delle
batteria della cokeria”. Lo precisano
fonti di Arcelor Mittal, la società
acquirente dell’Ilva, dopo che un
incendio ha interessato alcuni
impianti siderurgici spagnoli, a
Gijo’n, della stessa multinazionale.

L’episodio dell’incendio è stato
rilanciato a Taranto, dall’associazione
ambientalista Peacelink che ha
evidenziato come sia un errore aver
dilazionato la scadenza per l’attuazione
del cronoprogramma per il rinnovo dei
certificati di prevenzione antincendi da
luglio 2016, scadenza fissata nel Dpcm
di marzo 2014, al 2023,nuova scadenza
del Dpcm di settembre 2017. Problema,
questo, afferma Peacelink, sottoposto
anche all’attenzione del ministro
dell’Ambiente, Sergio Costa. Intanto,
Genitori Tarantini e LiberiAmo
Taranto domani, venerdì 19 ottobre,
consegneranno le oltre 4000 firme
raccolte per la petizione popolare
Chiudiamola Qua, con la quale i
cittadini di Taranto chiedono al Sindaco
Rinaldo Melucci, rassicurazioni e
garanzie sulla salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche